Lingua   

Γεια σου χαρά σου Βενετιά

Nikos Xylouris / Νίκος Ξυλούρης




Ti può interessare anche...

Ode an die Freude
(Ludwig van Beethoven)
Πατρίδα χιλιονικημένη
(Nikos Xylouris / Νίκος Ξυλούρης)
Σε ψηλό βουνό (O αητός)
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


Geia sou hára sou Venetiá
Στίχοι: Νίκος Γκάτσος
Μουσική: Σταύρος Ξαρχάκος
Πρώτη εκτέλεση: Νίκος Ξυλούρης
Συλλογή - 1974
Αξέχαστες επιτυχίες - 1983

Testo di Nikos Gatsos
Musica di Stavros Xarhàkos
Prima esecuzione di Nikos Xylouris
"Sylloghì" - Scelta - 1974
"Axékastes epityhìes" - Successi indimenticabili - 1983

Iraklion o Candia (Creta): La Loggia Veneziana
Iraklion o Candia (Creta): La Loggia Veneziana


Di tanti emigranti che son partiti, eccone uno che ritorna. Questa è la canzone della sua gioia, e c'è tutta la gioia possibile nella voce di Nikos Xylouris, che per primo la interpretò. Il testo è del mio solito Nikos Gatsos, che gli diede un titolo più lungo, tratto dai primi due versi del refrain: «Φύσα αεράκι φύσα με μη χαμηλώνεις ίσαμε».
E che con questi due versi intitolò anche la sua scelta delle migliori canzoni che aveva musicato, pubblicata postuma presso Ikaros nel 1992 a cura della sua compagna, la poetessa Agathì Dimitrouka. Evidentemente Gatsos amava in modo particolare questo suo testo.
La musica è di Stavros Xarhàkos. Che dire di più? Godiamocela. (gpt)
Γεια σου χαρά σου Βενετιά
πήρα τους δρόμους του νοτιά
και τραγουδώ στην κουπαστή
σ' όλο τον κόσμο ν' ακουστεί

Φύσα αεράκι φύσα με
μη χαμηλώνεις ίσαμε
να δω γαλάζια εκκλησιά
Τσιρίγο και Μονεμβασιά

Γεια σου χαρά σου Βενετιά
βγήκα σε θάλασσα πλατιά
κι απ' το κατάρτι το ψηλό
τον άνεμο παρακαλώ

Φύσα αεράκι φύσα με
μη χαμηλώνεις ίσαμε
να δω στην Κρήτη μια κορφή
που έχω μανούλα κι αδελφή

inviata da Gian Piero Testa - 3/12/2010 - 19:08



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa
SALUTE E GIOIA, VENEZIA

Salute e gioia, Venezia
ho preso le rotte del Sud
e canto sulla murata
che si senta in tutto il mondo

Soffia venticello soffiami
non cadere fin quando
non veda una chiesa azzurra
Cerigo e Monemvasia

Salute e gioia, Venezia
sono uscito in mare aperto
e dall'alto dell'albero
prego il vento

Soffia venticello soffiami
non cadere fin quando
non veda a Creta una collina
dove tengo una sorella e la mammina.

inviata da GIAn Piero Testa - 4/12/2010 - 08:26


Che ricordi mi hai fatto venire in mente-
L'ascoltavamo spesso con il mio amico cretese quando in estate lasciavamo Venezia per il rientro verso le nostre case

Raf - 4/12/2010 - 20:43


Giuro, la canterò la prossima volta sul traghetto mentre vado all'Elba...

Riccardo Venturi - 8/12/2010 - 07:43


Γεια σου χαρά σου .....Φλωρεντία

Ραφ - 8/12/2010 - 14:00



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org