Lingua   

Le vent nous portera

Noir Désir
Lingua: Francese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Fin de siècle
(Noir Désir)
Che gran confusione
(Cristiano De André)
Gagnants / Perdants (Bonne nuit les petits)
(Noir Désir)

primitiva
Le CCG Primitive

Dall'album "Des Visages des figures" (2001)

dgdg


Una bella canzone pop, assolutamente anomala nella produzione del gruppo rock francese che, grazie anche alla riconoscibilissima chitarra di Manu Chao, ha portato il gruppo al successo internazionale. E anche una canzone da leggere assolutamente "tra le righe", cosa che ben pochi hanno fatto...

Je n'ai pas peur de la route
Faudra voir, faut qu'on y goûte
Des méandres au creux des reins
Et tout ira bien (là)
Le vent nous portera

Ton message à la Grande Ourse
Et la trajectoire de la course
Un instantané de velours
Même s'il ne sert à rien (va)
Le vent l'emportera

Tout disparaîtra mais
Le vent nous portera

La caresse et la mitraille
Cette plaie qui nous tiraille
Le palais des autres jours
D'hier et demain
Le vent les portera

Génétique en bandoulière
Des chromosomes dans l'atmosphère
Des taxis pour les galaxies
Et mon tapis volant, dis ?
Le vent l'emportera

Tout disparaîtra mais
Le vent nous portera

Ce parfum de nos années mortes
Ce qui peut frapper à ta porte
Infinité de destins
On en pose un et qu'est-ce qu'on en retient ?
Le vent l'emportera

Pendant que la marée monte
Que chacun refait ses comptes
J'emmène au creux de mon ombre
Des poussières de toi
Le vent les portera

Tout disparaîtra mais
Le vent nous portera.


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi

le vent nous portera

SPAZZATI VIA DAL VENTO

Non ho paura della strada,
bisogna vedere, bisogna provare
dei meandri dentro ai reni
e tutto andrà bene, qua
spazzati via dal vento

Il tuo messaggio all'Orsa Maggiore
e la traiettoria del percorso
un nescafè vellutato
anche se non serve a niente, vah
spazzato via dal vento

Tutto sparirà e saremo
spazzati via dal vento.

La carezza e la mitraglia,
questa piaga che ci tormenta
il palazzo degli altri giorni
d'ieri e di domani
spazzati via dal vento

Genetica a tracolla
cromosomi nell'atmosfera
tassi' per le galassie
e il mio tappeto volante, eh?
Spazzati via dal vento

Tutto sparirà e saremo
spazzati via dal vento.

Il profumo degli anni morti,
quel che ti può bussare alla porta
i destini infiniti
ne lasciamo uno e cosa ci rimane?
Spazzato via dal vento

Mentre la marea monta
e ognuno rifà i conti
porto al riparo dell'ombra
polvere di te
Spazzata via dal vento

Tutto sparirà e saremo
spazzati via dal vento.


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Italiano

Versione italiana di Cristiano De Andrè da "Come in cielo così in guerra" (2013)

Vado incontro al mio destino
questo è un giorno disumano,
sulla strada a piedi nudi
lontano te ne vai.
Il vento soffierà.

Sono segni sulla pelle
i tuoi messaggi dalle stelle
sarà l'acqua forse il fuoco
ma polvere sarà,
che il vento porterà,
e tutto scomparirà,
e il vento soffierà.

La carezza e la mitraglia
dopo un bacio la battaglia,
le parole e poi gli intenti
e i soliti silenzi.
Il vento soffierà.

Siamo tracce senza segni,
siamo barche senza remi,
anni belli di tormento
e suoni più lontani
che il vento porterà,
e tutto scomparirà,
ma il vento soffierà.

Noi siamo di terra e sangue
sotto un cielo che non piange,
questo senso di infinito
è polvere di te
che il vento soffierà.

Siamo profughi sfiniti,
non ci siamo mai lasciati,
senza ombra e senza voce
e poi senza età,
il vento soffierà.
E tutto scomparirà,
il vento soffierà.

inviata da DonQuijote82 - 11/4/2013 - 15:44


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Inglese

English version by Annika
Versione inglese di Annika
da questo forum

THE WIND WILL CARRY US

I'm not afraid of the way.
Because I want to see it.
Enjoy it to the full,
Every bend, every winding
Until it will turn out alright.

Because the wind will carry me. And you.

Like everything you want to tell the stars,
Like the ride of things
Like tenderness and the beat
Like the palaces of other days
Of yesterday, of tomorrow
A superficial impression made of velvet
And then there comes the wind and takes everything away.

It takes our genotype, our genes
Carries it high into the air
To the atmosphere
To the galaxies
Like a flying carpet

The smell of past years
Everything that asks for admittance to your door
This infinity of destinies,
of which you live one
And what remains of it?

A flood rising constantly
A memory that everyone of us has now and then
And in the heart of the shadow that remains of me
I take a trace that remains of you
Until the wind carries everything away.

11/4/2005 - 23:00


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Portoghese

Versione portoghese ripresa da questo sito

O vento nos levará
Não tenho medo da estrada
Precisaria ver, é preciso provar
Dos meandros às covinhas das costas
E tudo irá correr bem
O vento nos levará

A tua mensagem à Ursa Maior
e a trajectória da corrida
Um instante de veludo
Mesmo que para nada sirva
O vento a levará
Tudo desaparecerá mas
O vento nos levará

A carícia e o estilhaço
E esta ferida que nos molesta
O palácio dos outros dias
De ontem e de amanhã
O vento os levará

Genética a tiracolo
Cromossomas na atmosfera
Táxis para as galáxias
E o meu tapete voador, digamos?
O vento o levará
Tudo desaparecerá mas
O vento nos levará

Este perfume dos nossos anos mortos
O que pode bater à tua porta
Uma infinidade de destinos
Pousamos num e o que é que retemos?
O vento o levará

Enquanto que a maré sobe
E que cada um refaz as suas contas
Eu levo ao vazio da minha sombra
Pós de ti
O vento as levará
Tudo desaparecerá mas
O vento nos levará

inviata da giovanni - 8/4/2010 - 15:10


Sulla traduzione di le vent nous portera....

Un instantané de velours..... nella traduzione italiana viene tradotto come un caffè solubile....ma cazzo.... io che sono profano e non so nulla di francese l'ho capito.... e il traduttore no? un'istantanea è parola che esiste anche in italiano e vuol dire fotografia.... quindi è corretto tradurre un'istantanea di velluto.... la precisione questa sconosciuta eh...???
(Omar)

Questo sito si rivela sempre più pieno di gran "traduttori" che desiderano un istante di attenzione; come disattenderli? La cosa curiosa è che, in parecchi casi si dichiarano "profani", e, addirittura incazzati, si espongono a autentiche figure di merda, come il nostro Omar. Il quale, non sapendo nulla di francese (cosa ammessa da lui stesso), ignora evidentemente che, in tale lingua "un istantané" (al maschile, abbreviazione di "café instantané") è quella roba tipo il Nescafé; mentre "une instantanée" (al femminile) è la foto istantanea tipo la vecchia Polaroid. La precisione questa sconosciuta? Direi che, nel caso di Omar, è sconosciuta l'umiltà e conosciutissima la consueta prosopopea dell'ignorante che vuole "dire la sua". Accontentato. Ma ne approfitto per cambiare la mia traduzione: un "Nescafé vellutato" ci sta decisamente meglio, e me lo bevo alla salute di Omar e dei prossimi traduttori improvvisati. [RV]

11/12/2010 - 01:27


mi dispiace per RV, ma l'aggettivo in questo caso sostantivato "instantané (= istantaneo)" è usato anche al maschile in francese, per cui - dato il contesto, che dev'essere sempre considerato facendo una traduzione - quel "instantané de velours" indica proprio, in questo caso, "una fotografia instantanea". ciau. LR

LunaRay - 27/8/2011 - 14:26


Chissà Marco Valdo M.I come lo tradurrebbe...

Alberto - 27/8/2011 - 20:42


Caro Alberto,

Lucien Lane et moi n'avons pas qualité pour trancher pareille discussion... mais nous pouvons donner notre avis. Il vaut ce qu'il vaut...

À notre sens et la chose est claire, il s'agit bien d'un "instantané de velours".
Pour le reste, tout le monde a raison, c'est juste une question d'interprétation.

On peut en effet indifféremment dire ou écrire :
- pour une photographie : une [photo] instantanée ou un [ cliché] instantané - à partir de ce double constat, on doit admettre les deux genres. En gros, le mot est ancien et signifie, notamment,"une photo au temps de pose très court" - « Tu ferais mieux de faire un instantané, pour qu’on s’en aille ! », disait Robert Lamoureux dans Papa, Maman, la Bonne et moi, au moment où le taureau fonçait sur le dos du photographe (en l'occurrence, Papa qui découvrait la photographie de vacances)...

Toutefois, par extension, en effet, lors de l'invention du procédé Polaroïd de développement instantané ou de son arrivée dans nos contrées perdues, l'instantané a glissé vers le temps de développement du cliché ou de la photo - donc, des deux genres là aussi.

Mais ce n'est pas tout :

- le terme a été usité pour toutes sortes d'autres choses, dont en effet, un café (procédé rapide de confection d'un café - soluble ; pour la marque commerciale, voir votre détaillant le plus proche), mais aussi, le cacao (idem), une soupe (idem), un miracle (idem) - par exemple... on peut utiliser ce mot - en prenant garde toutefois à adapter le genre...

Il est tout aussi possible de l'interpréter comme le fait le (ou la) traducteur (trice) portugais(e) et imaginer un « instant de velours ». Ce serait tout aussi pertinent...

De toute façon, le vent l'emportera...

Donc, pour ce qui est de la traduction - dans la mesure où le texte d'origine n'est pas clair à ce sujet, il n'est pas possible d'en approuver unilatéralement une, ni d'en rejeter pareillement une autre. En conscience, nous ne pourrions donner tort à R.V. En somme, le mieux est de s'en remettre au choix du traducteur... Comme nous disons chez nous : "C'est comme il le sent."

Et nous qui vivons dans une ville surréaliste, on les accepterait volontiers toutes... ces traductions : instantané, instantanée, instant... café soluble, soupe soluble, miracle immédiat...

Dernière précision : afin de nous conforter dans notre approche, nous avons pris la peine de consulter Robert, Littré, Lexis, Flammarion et même, le petit Larousse illustré. Tous concordent plus ou moins dans un même sens approximatif.

Ceci devrait clore la discussion...

Bien cordial

Marco Valdo M.I. et Lucien Lane

Marco Valdo M.I. - 28/8/2011 - 12:34


Nell'introduzione è scritto che si tratta di "una canzone da leggere assolutamente 'tra le righe' cosa che ben pochi hanno fatto..."

Cosa si legge 'tra le righe' di questa canzone? Cosa vi ha letto l'estensore dell'introduzione? Sono curioso!

Grazie a chi mi risponderà.

Bastian - 19/8/2014 - 22:43


Carissimo Bastian, disgraziatamente questa canzone appartiene alle cosiddette "primitive" di questo sito, vale a dire alla raccolta originaria di 600 canzoni che ne fu alla base, e che fu effettuata su alcune mailing list e newsgroups usenet tra il febbraio e l'aprile del lontano 2003. Non mi ricordo chi la inserì allora, anche perché sia le mailing list che i ng sono scomparsi (e, ad ogni modo, spesso e volentieri arrivavano canzoni da contributori anonimi). Fermo restando che le "CCG primitive" sono intoccabili, effettivamente anch'io sono un po' perplesso; le "primitive" furono inserite così com'erano, coi brevi commenti che contenevano, e andare a ripescare il contributore, essendo scomparsi gli archivi delle relative mailing list, è impossibile. Posso solo azzardare un'ipotesi assai vaga relativa alla strofa che inizia con "La caresse et la mitraille"; a suo tempo fui autore della traduzione, ma allora si procedeva quasi automaticamente. Però, lo ripeto, rimango perplesso e non è escluso che la canzone venga spostata tra gli "Extra" -dato che non mi piacciono le interpretazioni forzate. Saluti.

Riccardo Venturi - 20/8/2014 - 08:46

Aggiungi...

 Nuova versione o traduzione   Commento   Segnala indirizzo per scaricare la canzone 

Pagina principale CCG
L'archivio Chi siamo Novità Guestbook Links

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org