Lingua   

Chernobyl dieci anni dopo

Pippo Pollina


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Alligators 427
(Hubert-Félix Thiéfaine)
サマー・タイム・ブルース (Summertime Blues)
(RC Succession / RC サクセション)
Ghost Town (for the Victims of Chernobyl)
(Huns & Dr Beeker)


Chernobyl. Чернобыль. Чopнобиль.
Chernobyl. Чернобыль. Чopнобиль.
[1996]
Testo e musica di Pippo Pollina
Dall'album Il giorno del falco
Lyrics and Music by Pippo Pollina
From the album Il giorno del falco



Questa canzone, a mio parere una delle più belle di Pippo Pollina, è stata scritta nel decimo anniversario della catastrofe nucleare di Chernobyl. 26 aprile 1986: il mondo scopre definitivamente che l'energia nucleare, anche a scopi "civili" (bisognerebbe poi vedere quanta dell'energia prodotta nelle centrali nucleari di tutto il mondo venga utilizzata a scopi "civili"...), non è per niente "sicura", come ci vogliono far credere soloni su soloni che periodicamente rispuntano come funghi anche nel nostro paese.

Si tratta quindi, intrinsecamente, di una canzone contro la guerra. La lotta antinuclearista e antimilitarista sono lotte sorelle e inscindibili, ad ogni livello e in ogni paese. Una cosa sicuramente sottolineata da Pippo Pollina nei bellissimi due versi finali della canzone, dove si parla dei "soldati" (cioè vigili del fuoco, militari, semplici cittadini) che furono mandati, e andarono, a morire, nelle ore immediatamente successive alla catastrofe. Anche loro furono mandati alla guerra, e come in ogni guerra, come a Hiroshima e Nagasaki, ci sono state migliaia di vittime civili, distruzione, abbandono e morte.

Un sito sulla catastrofe di Chernobyl:

http://www.chernobyl.co.uk/

This song, in my opinion among Pippo Pollina’s masterpieces, was written for the 10th anniversary of Chernobyl nuclear disaster. April 26, 1986: the world finally realizes that nuclear energy, even for “civil” use (guess then how much of the energy produced in the nuclear plants all around the world is really used for “civil use”…), is not “safe” at all, as a horde of authoritative personalities springing up like mushrooms still tries to persuade us.

This song is by its very nature an antiwar song. Antimilitarist and antinuclear struggle are inseparable sisters, at any level and in any country. It’s just what Pippo Pollina points out in the splendid two final lines of the song, where he speaks of soldiers (firemen, military, civilians) who, immediately after the disaster, were sent to death. They too were sent to war and, like in any war, like in Hiroshima and Nagasaki, thousands of civilian victims were claimed. Destruction, deserted places, death.

A website on Chernobyl disaster:

http://www.chernobyl.co.uk

(Riccardo Venturi)
Com'è buio il pomeriggio qui a nord-est del mondo,
soffia un vento e non finisce più,
fosse zolfo appeso alle folate del libeccio
quest'odore strano che arriva da laggiù.

Siamo soli da millenni, dall'alba radioattiva,
ma i miei figli al fiume crescerò
e se la terra nega i frutti, i fiori e la rugiada
io non me ne andrò da qui, io rinascerò

Dove sei?
Uomo, dove sei?
A chi hai reso il tuo coraggio?
Alla ricchezza e al suo miraggio?
Siamo solo disperati esseri stanchi,
non possiamo andare avanti...

Dove sei?
Uomo, cosa fai?
Hai venduto la tua casa,
la tua donna, la tua rosa,
siamo l'ombra del disprezzo
del potere ad ogni prezzo,
uomo, dove te ne andrai?

Guarda fuori adesso, il sole brucia l'orizzonte,
e gli arbusti secchi più che mai...
Han mandato a cento e a mille al reattore, al fronte,
poveri soldati ignari che non rivedrai.

Dove sei?
Uomo, dove sei?
A chi hai reso il tuo coraggio?
Alla ricchezza e al suo miraggio?
Siamo solo disperati esseri stanchi,
non possiamo andare avanti...

Dove sei?
Uomo, cosa fai?
Hai venduto la tua casa,
la tua donna, la tua rosa,
siamo l'ombra del disprezzo
del potere ad ogni prezzo,
uomo, dove te ne andrai?

inviata da Riccardo Venturi - 2/7/2005 - 15:38




Lingua: Tedesco

Traduzione tedesca dell'autore, dal libretto dell'album.
German translation by the author, from the album booklet.

La città fantasma di Pripyat, presso Chernobyl. Aveva 50.000 abitanti fino al 26 aprile 1986. The ghost town of Pripyat, near Chernobyl. 50.000 people lived there until April 26, 1986..
La città fantasma di Pripyat, presso Chernobyl. Aveva 50.000 abitanti fino al 26 aprile 1986. The ghost town of Pripyat, near Chernobyl. 50.000 people lived there until April 26, 1986..
TSCHERNOBYL ZEHN JAHRE DANACH

Wie Düster ist der Nachmittag hier im Nordosten der Welt,
unaufhörlich weht der Wind,
wäre es doch bloss Schwefel, diesen eigenartige Geruch
den die Südwestböen hinüber tragen

Seit Jahrtausenden allein, seit der radioaktiven Dämmerung
doch ich will meine Kinder am Fluss grossziehen
und wenn die Erde mir Früchte verwehrt, mir Blüten und Tau
verweigert,
werde ich docht nicht fortgehen, ich will hier wiedergeboren werden.

Wo bist du?
Wo bist du, Mensch?
Wem hast du dein Mut geopfert?
Dem Streben nach Reichtum?
Wir sind nur müde verzweifelte Wesen
und können nicht vorwärts kommen

Wo bist du?
Was machst du, Mensch?
Hast Haus und Garten und deine Liebste verkauft,
wir sind Schatten unserer eigen Verachtung,
Opfer der Macht um jeden Preis,
wohin, Mensch, willst du jetzt gehen?

Schau nach draussen, die Hitze verbrennt den Horizont,
und die ausgetrockneten Sträucher
sie haben hunderttausende unschuldiger Soldaten zum Reaktor
and die Front geschickt, und nie wirst du sie wiedersehen.

Wo bist du?
Wo bist du, Mensch?
Wem hast du dein Mut geopfert?
Dem Streben nach Reichtum?
Wir sind nur müde verzweifelte Wesen
und können nicht vorwärts kommen

Wo bist du?
Was machst du, Mensch?
Hast Haus und Garten und deine Liebste verkauft,
wir sind Schatten unserer eigen Verachtung,
Opfer der Macht um jeden Preis,
wohin, Mensch, willst du jetzt gehen?

inviata da Riccardo Venturi - 2/7/2005 - 15:48




Lingua: Italiano

CANZONE SENZA PAROLE DA UN ASILO MORTO DI PRIPYAT
A SONG WITHOUT WORDS FROM A DEAD KINDERGARTEN IN PRIPYAT
[…..]
[…..]


[…..]
[…..]

inviata da Riccardo Venturi - 26/4/2006 - 21:56


Ciao Riccardo,

Forse ho trovato - verifica tu se è il caso o meno di inserirle - le parole per la tua Canzone senza parole da un asilo morto di Pripyat:

A Voice from Dead Pripyat, by Adolph Kharash (Science Director, Moscow State University): su questa pagina

da dove si accede ad alcune poesie di Liubov Sirota (in traduzione inglese, ma con il testo originale in russo translitterato [*]): da questa pagina.

[*] Il testo russo è stato restituito nell'alfabeto originale basandosi sulla traslitterazione, fortunatamente comprensibile anche se non del tutto esatta.


ПРИПЯТИ (Тpиптих)
Любовь Cиpoтa

1

Нe иcкупить и не исправить нам
oшибок и бeды того aпреля.
Bcю жизнь нecти coгнувшимся плечам
прозpeвшей coвecти мyчительное бpeмя!
Beдь переceлить,
кaк переceлить, пo домy бoль, пoвepьте, невозможно!
Oнa в cepдцax биеньем бyдет жить,
пpoпиcaннaя памятью тpeвожной…
Taм
гоpeчью колючей oкpyжен,
нaш гopoд yдливeнно вoпрошaeт:
зашто, зашто навек покинyт oн,
ведь oн нac любнт
и за вce пpoщaeт?!…


2

Oн по ночам, oживаeт,
нaш гopoд, oпуcтeвший на века.
Taм нaши cны бpeдут, кaк oблака,
и лyнным cветом oкна зажигают.
Taм неycыпной памятью живyт
деpeвья,
помня pyк прикocновенья.
Кaк гopько знать им,
что cвoeю тенью
oт зноя никого не cбepeгyт!
Boт и качaют тиxo нa ветвяx
oни нoчaми наши cны больные…
И звезды pвyтcя вниз,
на мocтовыe,
чтoб дo yтpa cтоять здеcь на чacax…
Ho минет чac.
Покинyтые cнaми,
зaмpyт ocиpoтeвшие дoмa,
и oкнaми,
coшeдшими c yмa,
в кoтopый paз
пpoщать бyдyт c нaми!…

3

Пocтояв нaд нашим пeпелищeм,
чтo возьмeм c coбoю в долгий путь?
Taйный cтpax – ocтaтьcя всюдy лишнин
Cмыcль потepи,
oбнaжившей cyть
cтpaнного внезапного бeзpoдcтва,
безyчacтья тex к твoeй бeдe,
кoмy, может, тaк же вот пpидетcя
cтaть ничем в oдин-единый день?!
.. Mы oбpeчeны oтcтaть oт cтaй
в caмyю cypoвyю из зим…
Bы ж лeтитe!
Toлько, yлетая,
не забyдьте невзлетевший клин!
И в кaкиe б paдocтныe дaли
вac – cчacтливыx птиц – ни зaнecлo,
пycть вac oт бecпeчности cпacaет
нaшe oпaлeннoe кpыло!…



TO PRIPYAT
by Lyubov' Sirota

1.
We can neither expiate nor rectify
the mistakes and misery of that April.
The bowed shoulders of a conscience awakened
must bear the burden of torment for life.
It's impossible, believe me,
to overpower
or overhaul
our pain for the lost home.
Pain will endure in the beating hearts
stamped by the memory of fear.
There,
surrounded by prickly bitterness,
our puzzled town asks:
since it loves us
and forgives everything,
why was it abandoned forever?

2.
At night, of course, our town
though emptied forever, comes to life.
There, our dreams wander like clouds,
illuminate windows with moonlight.

There trees live by unwavering memories,
remember the touch of hands.
How bitter for them to know
there will be no one for their shade
to protect from the scorching heat!
At night their branches quietly rock
our inflamed dreams.
Stars thrust down
onto the pavement,
to stand guard until morning . . .
But the hour will pass . . .
Abandoned by dreams,
the orphaned houses
whose windows
have gone insane
will freeze and bid us farewell! . . .

3.
We've stood over our ashes;
now what do we take on our long journey?
The secret fear that wherever we go
we are superfluous?
The sense of loss
that revealed the essence
of a strange and sudden kinlessness,
showed that our calamity is not
shared by those who might, one day,
themselves face annihilation?
. . . We are doomed to be left behind by the flock
in the harshest of winters . . .
You, fly away!
But when you fly off
don't forget us, grounded in the field!
And no matter to what joyful faraway lands
your happy wings bear you,
may our charred wings
protect you from carelessness.

Translated from the Russian by Leonid Levin and Elisavietta Ritchie

Alessandro / Riccardo - 26/4/2006 - 23:26


Ho appena finito di vedere un documentario, recentissimo, su Chernobyl trasmesso dal secondo canale della Radiotelevisione della Svizzzera Italiana.
Credevo di saperne abbastanza, su Chernobyl; ma il documentario, ampio e accuratisssimo, mi ha fatto conoscere una quantità enorme di nuovi particolari, uno più sconvolgente dell'altro. Sconvolgente il racconto della guerra condotta contro la radioattività, con i generali e gli ingegneri che spedivano nella fornace reparti completi di pompieri, minatori e di soldati della riserva, e poi, come in tutte le guerre, li decoravano, vivi o morti, come eroi (ché tali in realtà furono). E, come dopo tutte le guerre, ho visto molte immagini dello sterminato esercito di ammalati e di invalidi che ancora si trascinano in Ukraina e in Bielorussia, e ho visto gli embrioni e bambini focomelici che continuano senza sosta a nascere, perché nelle aree inquinate tutti i frutti della terra sono maledetti, ma bisogna pur nutrirsene. Lo si potrà vedere, quel documentario, in questa Italia dei furbetti, che fingono di fare un passo indietro per saltare meglio l'ostacolo elettorale, e che poi riprenderanno imperterriti il loro gioco di apprendisti stregoni ?
Aggiungo di avere sentito anche Gorbaciov dire che ogni missile SS dell'ex URSS aveva una capacità di inquinamento radioattivo pari a 100 Cernobyl e che, quando lui comandava, avrebbe potuto spararne 2700...
E aggiungo che il "sarcofago" che tiene a bada - si fa per dire - il mostro dormiente fu progettato per durare trent'anni e che venticinque sono già passati, senza che nessun lavoro sia stato incominciato, perché il progetto esiste da più di dieci anni, ma nessuno mette un baiocco per realizzarlo.

Gian Piero Testa - 26/4/2011 - 14:05


Della serie: "LA FACCIA COME IL CULO"

Berlusconi: "Il nucleare resta il futuro. Stop momentaneo per paura della gente"

Il premier Berlusconi, nella conferenza stampa seguita al vertice italo-francese a Villa Madama, puntualizza così il senso della "moratoria nucleare" del governo: "Se fossimo andati oggi al referendum, non lo avremmo avuto in Italia per tanti anni"

"L'accadimento giapponese ha spaventato ulteriormente i nostri cittadini. Se fossimo andati oggi al referendum, non avremmo avuto il nucleare in Italia per tanti anni. Per questo abbiamo deciso di adottare la moratoria, per chiarire la situazione giapponese e tornare tra due anni a un'opinione pubblica conscia della necessità nucleare"

E la faccia come il culo il nano di merda ce l'ha a maggior ragione perchè - data l'evidente urgenza di far saltare la consultazione rferendaria sul legittimo impedimento - fa finta di ignorare che già nel 1978 la Corte Costituzione (sentenza n.68) ha chiarito che "se l'abrogazione degli atti o delle singole disposizioni cui si riferisce il referendum venga accompagnata da altra disciplina della stessa materia, senza modificare né i principi ispiratori della complessiva disciplina preesistente né i contenuti normativi essenziali dei singoli precetti, il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative."
Qui manco le nuove disposizioni legislative ci sono, anzi, e allora perchè 'sto nano farabutto continua a dire che il referendum su nuclare non si terrà?

Sono uno manica di fascisti vigliacchi che governano solo a menzogne, forti della credulità e dell'opportunismo di una parte del paese... merdosi e impuniti!
Quel pezzo di merda si sciacqua ogni giorno la bocca con la "sovranità popolare", l'"investitura del popolo" e poi l'unico strumento istituzionale di democrazia diretta viene ridotto ammerda, con tutto il popolo...

Questo è un golpe bello e buono, fatto nel quasi totale silenzio della cosiddetta opposizione.

Bartleby - 26/4/2011 - 15:04


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org