Language   

Gente do Sud

Terroni Uniti


Language: Neapolitan


Related Songs

C'amma Ritruvà
(Daniele Sepe)
L'inno di Papele
(Federico Salvatore)
Crucifixus
(Enzo Avitabile)


[2017]
Singolo: Gente do Sud
Trascrizione del testo di Titta Calemme

La copertina è stata ideata da ZeroCalcare


"TERRONI UNITI!!! verso il corteo di Sabato 11 Marzo ore 14 Piazza Sannazaro (Mergellina) MAI CON SALVINI NAPOLI NON TI VUOLE!“.

Il brano Gente do Sud dei Terroni Uniti, un collettivo di 30 artisti napoletani, è un inno alla fratellanza e un “no” al razzismo!
(Napolike.it)

Un gruppo di più di 30 artisti napoletani ha realizzato un singolo per dire “no” al razzismo, un brano autoprodotto e nato da un’idea di Massimo Jovine. Il collettivo si fa chiamare Terroni Uniti e la canzone è “Gente do Sud“, una sorta di inno alla capacità prettamente meridionale di accogliere tutti i “fratelli” e di saper convivere in una società multietnica e multiculturale.

La canzone, scritta in pochissimo tempo a pochi giorni dall’arrivo a Napoli di Matteo Salvini, vuole sottolineare l’importanza della solidarietà per smuovere le coscienze e combattere ogni forma di razzismo. Naturalmente la presenza del segretario della Lega Nord è stato solo un pretesto per ideare “un inno d’amore, un invito all’accoglienza che parla di solidarietà e di fratellanza“, sopratutto perché il Mediterraneo è sempre stato e sempre sarà punto di incontro e scambio di tante culture che possono solo arricchirsi tra loro.

Gli artisti di Terroni Uniti, oltre a questo singolo, hanno realizzato un intero progetto unendo svariate realtà imprenditoriali di Napoli, come etichette e studi di registrazione, dando vita ad una compilation. I ricavati della vendita andranno a favore di Alarm Phone di Watch The Med, nato nel 2014 da un gruppo di attivisti e rappresentanti della società civile in Europa e Nord Africa che ha creato una linea telefonica diretta per i rifugiati che ne hanno bisogno nelle acque del Mediterraneo.

La copertina è stata ideata da ZeroCalcare.



L’idea della canzone Gente do Sud

La genesi si deve a Massimo Jovine, come accennato, durante una chiacchierata con un amico al bar. Si parlava dei preparativi per una manifestazione pacifica per l’11 marzo, giorno della conferenza di Salvini, e si è colta l’occasione per sottolineare l’importanza della fratellanza e dell’accoglienza. Immediatamente sono stati contattati altri artisti come Ciccio Merolla, ‘O Zulù dei 99 Posse, Speaker Cenzou che subito si sono resi disponibili, a cui si sono aggiunti molti altri come Dario Sansone dei Foja, Enzo Gragnaniello ed Eugenio Bennato.

I componenti

Massimo Jovine (99 Posse), Ciccio Merolla, Enzo Gragnaniello, James Senese, O’ Zulù (99 Posse), Eugenio Bennato, Speaker Cenzou, Valentina Stella, Daniele Sepe, Franco Ricciardi, Dario Sansone (Foja), Valerio Jovine, M’Barka Ben Taleb, Pepp-Oh, Francesco Di Bella, Simona Boo, Tommaso Primo, Andrea Tartaglia, Tueff, Gnut, Nto’, Roberto Colella (La Maschera), Dope One, Gianni Simioli, Carmine D’Aniello (‘O Rom), Oyoshe, Djarah Akan, Joe Petrosino, Massimo De Vita, Giuseppe Spinelli, Alessandro Aspide (Jovine), Sacha Ricci (99 Posse).
Gente d’’o mare
Gente ‘e ‘sta terra
Gente ‘e ‘sta terra
Gente ‘e ‘sta terra
Gente ‘e ‘sta terra
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale
'o mare ch'è amaro nce porta luntano
Cu ‘a vocca dint’ô ssale se lava c’ ’o mmale
Ma nunn’è normale
Chi parte ‘a luntano pecché è disperato
Tu ‘o chiamme immigrato ma io ‘o chiammo frate
Restammo umane
Vide ch’hê ‘a fà
‘o munno è gruosso e l’hê ‘a considerà
Nun può penzà
Ca chello ca cunusce nun nce sta
Miettete dint’ê panne ‘nfuse
‘e chi se move
Quanto ha refuso ogne ccosa llà ffora
Pe mmezzo ‘e ll’abbuse
D’’a puzza ‘e petrolio
Nunn’è ‘na scusa
È ‘nu diritto a stà bbuono
Gambia, Nigeria, Eritrea
Addó ‘a pace mo è sulo n’idea
Chi parla, fra’, nunn’have idea
Chi ‘o vvive s’affronta ‘e mmaree
So’ mmamme e pate
So’ frate e ssore
Cu 'na speranza ‘ròssa dint’ô core
Lassano ‘a casa addó sta ‘a ‘uerra
Pe ‘na speranza ‘ncopp’a chesta terra
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale
A mme pure a Nnapule me chiammano Zulù
Arrivaje cu ‘nu bbarcone ‘e ll’Area Nord
‘mmiez’ô Ggesù
“Terrone di merda”, sulla pancia il mio tattoo
Lo porto con orgoglio, questo nome è sangue blu
Noi non ci offendiamo se l’ignoranza ci accusa
Riconosciamo gli intrusi e gli abusi
Voi siete i mandanti eleganti di tutti i soprusi
Emarginiamo i collusi
E non lasciamo refusi
Ma Napule ‘sta storia ‘a sape ggià
Quei signori eleganti son passati di qua
Per chiamare briganti chi nun steva cu lloro
Per lavare col fuoco chi era fuori dal coro
Partono ‘e bbastimiente pe tterre assaje luntane
Cantano a bbuordo e so’ nnapulitane
Tornano ‘e bbastimiente d’’a terra cchiù vvicina
Cantano ‘a bbuordo e so’ so’ tale e quale
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale
Fronna ‘e limone
‘stu canto che vene e vva
Voce ‘e guagliune dal Cairo alla Sanità
Si cride a Buddha, a Gesù, Spiderman o Allah
Si’ ‘o frate nuosto
Ma arriverà il giorno X per l’umanità
Che tutti quanti dovremo andar via da qua
E cercheremo per tutti la libertà
‘int’a n’atu puosto
Ferma ‘sti rruspe, ciavoro
‘o sole è ancora cavero a cchest’ora
Sta ‘o ffuoco dint’a ‘sti rrammère
Tu tiene ll’auto blu, nuje cammennammo a ppede
E ‘o munno nunn’è ‘na frontiera
Vulisse purtà cca
Odio, muri e barriere
‘a tiene sulo tu ‘sta guerra ‘ncapa
Ma chi t’ha dda accattà? Sulo chi nun te sape
Dint’a n’attimo figliemo, n’onna liggera,
‘o perdette dint’a ‘stu mare ca se magna ‘e penziere
ie vulevo ‘nu futuro pe fujì d’’e bbombe
Convivo cu 'o dulore e spisso nun s’affronta
dint’a n’isola felice fatta ‘e quacche ricordo
si guardo arreto tanti ccose nunn’hê ssupporto
vaco annanze si Allah me dà ‘a forza ‘e stà allerta
peggio ca ‘na bomba nun po essere 'a scelta
Vurrìa ca addó se vede ‘a terra accuminciasse ‘a casa toja
che dessemo ‘na mana pe cchi vene ‘a luntano
e chi se ne ‘mporta si cagnano ‘e pparole
stammo cantanno ‘a stessa canzone
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente ca ancora è capace ‘e credere a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
bello d’’o frate
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale
'ana tunsia, 'ana aleiraqia, 'ana ifriqia, 'ana italiania,
'ana alfaransia, 'ana al'almania
'ana min kull arath
Arravoglio tutt' 'e suonne e ‘e speranze dint’a ‘na kefija
Pe cchi, cómm’a mme, ancora nun s’hê arreso
‘a pretesa ‘e ‘na bbella vita ‘a voglio pur’io
Pe ddispietto ‘e chi ha bombardato ‘a terra mia
So’ chillo cu ll’uocchie chine ‘e cazzimma
E pure si nun tengo niente po’ nc’ha spartimmo
Me chiammano “Giuanne Palestina” ma pe mmammà so’ ssempe Ibrahim
Dinto a ‘sti viche se sente ‘na lengua nova
‘o viento ‘e mare ca nc’ammesca nuje cu lloro
Dint’a ‘na musica m’arriva ‘nu fatto antico
Capace ‘e raccuntà chello ca nun dicite
Patrimonio monetario arrubbato d' 'e Savoia
pregiudizzie ca se 'nfizzano, 'o mmale ca s'appoja
E' 'o canto 'e 'nu sound boy
Vengo d’’e Ddoje Sicile
Nc’âte purtato omicidie e violenze a domicilio
Aucielle 'e passaggio
Simmo ‘a ggente d’’o sud
Clandestine ca ponno cagnà ‘o destino d’’o munno
stammo dint'ê mmane 'e chi tene manie ‘e grandezza
Ll’immigrazzione pare ll’unica via ‘e salvezza
Sta n’amico mio chiuso ‘into a ‘na galera
Addó ll’unica cella è ‘a voce d’’a miseria
Miseria ‘e tutt’’a ggente che crede ancora
‘e puté cundannà a chi tene ‘a pelle nera
Mentre ‘o popolo dorme isso che ffa?
Cu cchiù ‘e mille culure pitta ‘e mure d’’a città
E nun cerca sòrde, fa’ bbene e scorda
P’’o mmale ggià ce pensa ‘a Lega nord
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale
So’ mmamme e pate
So’ frate e ssore
Che penzano â famiglia
Simmo tale e quale
‘a guerra e ‘o mare
'a sciorta ‘a famme
‘o stesso sole scarfa a tutte quante
Gente d’ammóre che sona ‘a tammorra
Seguo ‘stu córe ca vótta dulore
Cu ‘nu culore, cu ‘na bandiera
miezo stivale se sceta e ce crede
Simmo brigante, nun simmo maje stanche
Ll’anema è vviva
cu nnuje Ninco Nanco
‘o sud nun se tocca
Son pronto â morte
cómme â De Cesare e Carmine Crocco
Niente sussidie, ie vogl'jì â dogana
Io voglio arreto chello ca nc’âte levato
Niente cunsiglie, no, nun voglio 'o stadio
Essere libbero ‘e murì addó nun so’ nnato
Gente d’’o sud
Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini

Contributed by CCG/AWS Staff + Titta Calemme - 2017/3/11 - 07:49




Language: Neapolitan

una trascrizione differente
GENTE DO SUD

Gente d’’o mare
Gente ‘e ‘sta terra (4 volte)
Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore

E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale

'o mare ch'è amaro nce porta luntano
Cu ‘a vocca dint’ô ssale se lava c’ ’o mare
Ma nunn’è normale
Chi parte ‘a luntano pecché è disperato
Tu ‘o chiamme immigrato ma io ‘o chiammo frate
Restammo umane

Vide ch’hê ‘a fà
‘o munno è gruosso e l’hê ‘a considerà

Nun può penzà
Ca chello ca cunusce nun nce sta

Miettete dint’ê panne ‘nfuse
‘e chi se move
Quanto ha refuso ‘e cose llà ffora
Pe mmezzo ‘e ll’abbuse
D’’a puzza ‘e petrolio
Nunn’è ‘na scusa
È ‘nu diritto a stà bbuono
Gambia, Nigeria, Eritrea
Addó ‘a pace po’ è sulo n’idea
Chi parla, fra’, nunn’have idea
Chi ‘o vvive s’affronta ‘e mmaree

So’ mmamme e pate
So’ frate e ssore
Pure ‘a speranza ‘ròssa dint’ô core
Lassanno ‘a casa addó sta ‘a ‘uerra
Pe ‘na speranza ‘ncopp’a chesta terra

Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale

A mme pure a Nnapule me chiammano Zulù
Arrivaje cu ‘nu bbarcone ‘e ll’Area Nord
‘mmiez’ô Ggesù
“Terrone di merda”, sulla pancia il mio tattoo
Lo porto con orgoglio, questo nome è sangue blu
Noi non ci offendiamo se l’ignoranza ci accusa
Riconosciamo gli intrusi e gli abusi
Voi siete i mandanti eleganti di tutti i soprusi
Emarginiamo i collusi
E non lasciamo refusi

Ma Napule ‘sta storia ‘a sape ggià
Quei signori eleganti son passati di qua
Per chiamare briganti chi nun steva cu lloro
Per lavare col fuoco chi era fuori dal coro

Partono ‘e bbastimiente pe tterre assaje luntane
Cantano a bbuordo e so’ nnapulitane
Tornano ‘e bbastimiente d’’a terre cchiù vvicine
Cantano ‘a bbuordo e so’ so’ tale e quale

Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale

Fronna ‘e limone
‘stu canto che vene e vva
Voce ‘e guagliune dal Cairo alla Sanità
Si cride a Buddha, a Gesù, Spiderman o Allah
Si’ ‘o frate nuosto
Ma arriverà il giorno X per l’umanità
Che tutti quanti dovremo andar via da qua
E cercheremo per tutti la libertà
‘int’a n’atu puosto

Ferma ‘sti rruspe [omissis]
‘o sole è ancora cavero a cchest’ora
Sta ‘o ffuoco dint’a ‘sti llammère
Tu tiene ll’auto blu, nuje cammennammo a ppede
E ‘o munno nunn’è ‘na frontiera
Vulisse purtà cca
Odio, muri e barriere
‘a tiene sulo tu ‘sta guerra ‘ncapa
Ma chi t’ha dda accattà? Sulo chi nun te sape

Dint’a n’attimo figliemo, n’onna liggera
‘o perdette dint’a ‘stu mare ca se magna ‘e penziere
ie vulevo ‘nu futuro pe fujì d’’e bbombe
Convivo cu 'o dulore e spisso nun s’affronta
dint’a n’isola felice fatta ‘e quacche ricordo
si guardo arreto tanti ccose nunn’hê ssupporto
vaco annanze si Allah me dà ‘a forza ‘e stà allerta
peggio ca ‘na bomba nun po essere

Vurrìa ca addó se vede ‘a terra accuminciasse ‘a casa toja
che dessemo ‘na mana pe cchi vene ‘a luntano
e chi se ne ‘mporta si cagnano ‘e pparole
stammo cantanno ‘a stessa canzone

Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente ca ancora è capace ‘e credere a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o frate
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale

(M’Barka Ben Taleb)

Âmmo perduto ‘e suonne e ‘e speranze dint’a ‘na kefija
Pe cchi, cómm’a mme, ancora nun s’hê arreso
‘a pretesa ‘e ‘na bbella vita ‘a voglio pur’io
Pe ddispietto ‘e chi ha bombardato ‘a terra mia
So’ chillo cu ll’uocchie chine ‘e cazzimma
E pure si nun tengo niente po’ nc’ha spartimmo
Me chiammano “Giuanne Palestina” ma pe mmammà so’ ssempe Ibrahim

Dinto a ‘sti viche se sente ‘na lengua nova
‘o viento ‘e mare ca nc’ammesca nuje cu lloro
Dint’a ‘na musica m’arriva ‘nu fatto antico
Capace ‘e raccuntà chello ca nun dicite

Patrimomio monetario rubato da 'e Savoia
pregiudizi ca so fissi [omissis]
Vengo d’’e Ddoje Sicile
Nc’âte purtato omicidi e violenza a domicilio
Aucielle 'e passaggio
Simmo ‘a ggente d’’o sud
Clandestine ca ponno cagnà ‘o destino d’’o munno
‘sta vita ‘mmano a chi tene manie ‘e grandezza
Ll’immigrazzione pare ll’unica via ‘e salvezza

Sta n’amico mio chiuso ‘into a ‘na galera
Addó ll’unica cella è ‘a voce d’’a miseria
Miseria ‘e tutt’’a ggente che crede ancora
‘e puté cundannà a chi tene ‘a pelle nera
Mentre ‘o popolo dorme isso che ffà?
Cu cchiù ‘e mille culure pitta ‘e mure d’’a città
E nun cerca solde, fa’ bbene e scorda
Ca’ ’o mmale ggià ce pensa ‘a Lega nord

Gente d’’o sud
Gente d’’o mare
Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore
E chisto è ‘o mood
Vene d’’o mare
Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale

So’ mmamme e pate
So’ frate e ssore
Che penzano â famiglia
Simmo tale e quale
‘a guerra e ‘o mare
[omissis] ‘a famme
‘o stesso sole scarfa a tutte quante

Gente d’ammóre che sona ‘a tammorra
Segue ‘stu córe ca ha avuto ‘o dulore
Cu ‘nu culore, cu’ ‘na bandiera
‘mmiezo a ‘sti pale se sceta e ce crede
Simmo brigante, nun simmo maje stanche
Ll’anema è vviva cu nuje Ninco Nanco
‘o sud nun se tocca
Son pronto â morte
[dubbio: Michelina Di Cesare] e Carmine Crocco

Tengo o sussidio [omissis]
Io voglio arreto chello ca nc’hanno levato
Niente cunsiglie, i’ voglio, ‘o ssaje,
Essere libbero ‘e murì addó nun so’ nnato

Gente d’’o sud
Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini

Contributed by Gennaro - 2017/3/21 - 15:00




Language: Italian

Versione italiana di Titta Calemme

napoliripudia
GENTE DEL SUD

Gente di mare
Gente di questa terra
Gente di questa terra
Gente di questa terra
Gente di questa terra
Gente del sud
Gente di mare
Gente capace di credere ancora nell'amore
E' questo il mood
Viene dal mare
Nei colori ci mischiamo e siamo tutti uguali
il mare che è amaro ci porta lontano
con la bocca nel sale si lava con il male

ma non è normale
chi parte da lontano perché è disperato
tu lo chiami immigrato, ma io lo chiamo fratello
restiamo umani
vedi cosa devi fare
il mondo è grande
e lo devi considerare
non puoi pensare
che quello che conosci non c'è
mettiti nei panni bagnati
di chi si muove
quanto ci ha rimesso ogni cosa là fuori
a causa degli abusi
della puzza di petrolio
non è una scusa
è un diritto a star bene
Gambia, Nigeria, Eritrea
dove la pace ora è solo un'idea
chi parla, fratello, non ha idea
chi lo vive affronta le maree
sono mamme e padri
sono fratelli e sorelle

con una speranza grande nel cuore
lasciano la casa dove c'è la guerra
per una speranza su questa terra
Gente del sud
Gente di mare
Gente capace di credere ancora nell'amore
E' questo il mood
Viene dal mare
Nei colori ci mischiamo e siamo tutti uguali
a me pure a napoli mi chiamano Zulù
arrivai con un barcone dall'area nord
in mezzo al Gesù [1]
“Terrone di merda”, sulla pancia il mio tattoo
Lo porto con orgoglio, questo nome è sangue blu
Noi non ci offendiamo se l’ignoranza ci accusa
Riconosciamo gli intrusi e gli abusi
Voi siete i mandanti eleganti di tutti i soprusi
Emarginiamo i collusi
E non lasciamo refusi
ma napoli questa storia la conosce già
Quei signori eleganti son passati di qua
Per chiamare briganti chi non stava con loro
Per lavare col fuoco chi era fuori dal coro
partono i bastimenti per terre assai lontane
cantano a bordo e sono napoletani
tornano i bastimenti dalla terra più vicina
cantano a bordo e sono uguali
Gente del sud
Gente di mare
Gente capace di credere ancora nell'amore
E' questo il mood
Viene dal mare
Nei colori ci mischiamo e siamo tutti uguali
Fronna ‘e limone [2]
questo canto che viene e va
voci di ragazzi dal Cairo alla Sanità
se credi a Buddha, a Gesù, Spiderman o Allah
sei nostro fratello
Ma arriverà il giorno X per l’umanità
Che tutti quanti dovremo andar via da qua
E cercheremo per tutti la libertà
in un altro posto
Ferma queste ruspe, ragazzo
il sole è ancora caldo a quest'ora
c'è il fuoco in queste lamiere
tu hai l'auto blu, noi camminiamo a piedi
e il mondo non è una frontiera
vorresti portare qua
odio, muri e barriere
solo tu hai questa guerra in testa
ma chi ti deve comprare? [3] solo chi non ti conosce
in un attimo mio figlio, in un'onda leggera,
lo persi in questo mare che si mangia i pensieri
volevo un futuro per scappare dalle bombe
convivo con il dolore e spesso non lo affronto
in un'isola felice fatta di qualche ricordo
se guardo indietro tante cose non le sopporto
vado avanti se Allah mi dà la forza di stare in piedi
peggio di una bomba non può essere la scelta
Vorrei che dove si vede la terra cominciasse casa tua
che dessimo una mano a chi viene da lontano
e a chi importa se cambiano le parole?
stiamo cantando la stessa canzone
Gente del sud
Gente di mare
Gente che ancora è capace di credere all'amore
E' questo il mood,
bello di tuo fratello,
Nei colori ci mischiamo e siamo tutti uguali
Io sono tunisina, sono iraqena, sono africana,
sono italiana, sono francese, sono tedesca,
io vengo da ogni terra (ogni terra è casa mia).
Avvolgo tutti i sogni e le speranze in una kefija
per chi come me ancora non si è arreso
la pretesa di una bella vita la voglio pure io
per dispetto di chi ha bombardato la terra mia
sono quello con gli occhi pieni di cazzimma
e pure se non ho niente poi ce lo dividiamo
mi chiamano "giovanni palestina" ma per mamma sono sempre ibrahim
In questi vicoli si sente una lingua nuova
il vento di mare che mescola noi e loro
in una musica mi arriva un fatto antico
capace di raccontare quello che non dite
Patrimonio monetario rubato dai savoia
pregiudizi che si infilano, il male che s'appoggia

E' il canto di un soundboy
vengo dalle Due Sicilie
ci avete portato omicidi e violenze a domicilio
uccelli di passaggio
siamo gente del sud
clandestini che possono cambiare il destino del mondo
Siamo nelle mani di chi ha manie di grandezza
l'immigrazione pare l'unica via di salvezza
C'è un mio amico chiuso in una galera
dove l'unica cella è la voce della miseria
miseria di tutta la gente che crede ancora
di poter condannare chi ha la pelle nera
mentre il popolo dorme lui che fa?
con più di mille colori dipinge i muri della città
e non chiede soldi, fa' bene e dimentica,
per il male già ci pensa la lega nord
Gente del sud
Gente di mare
Gente capace di credere ancora nell'amore
E' questo il mood
Viene dal mare
Nei colori ci mischiamo e siamo tutti uguali
sono mamme e padri
sono fratelli e sorelle
che pensano alla famiglia
siamo tutti uguali
la guerra e il mare
la sorte, la fame
lo stesso sole riscalda tutti
gente d'amore che suona la tammorra
seguo questo cuore che ha patito dolore
con un colore, con una bandiera
mezzo stivale si sveglia e ci crede
siamo briganti non siamo mai stanchi
l'anima è viva
con noi Ninco Nanco
il sud non si tocca
sono pronto alla morte
come la De Cesare e Carmine Crocco
Niente sussidi: voglio andare alla dogana
io rivoglio quello che ci avete tolto
niente consigli: non voglio lo stadio
ma essere libero di morire dove non sono nato
Gente del sud
Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini
[1] piazza del Gesù

[2] sarebbe "foglia di limone" ma è un modo di cantare, a distesa.

[3] darti credito

Contributed by Titta Calemme - 2017/3/22 - 22:02




Language: Neapolitan

La trascrizione presente nel video ufficiale con l'indicazione degli interpreti

Per dire ancora una volta SALVINI NON TI VOGLIAMO!
GENTE DO SUD

RITORNELLO:
Gente do sud
Gente do mare
Gente capace e credere ancor rint'all'amore
E chist è ‘o mood
Ven d' ‘o mare
Rint' ‘e culure c'ammiscamm e simm tale e quale

CICCIO MEROLLA
‘O mar che amar ce porta luntan ch'a bocca int' ‘o sal se lava c’ ‘o mal
Ma nunn'è nurmal
Chi parte a luntan perché è disperat tu o chiamme immigrat ma j o chiamm frate
Restamm uman

SIMONA BOO
Vir ch'e a fa, ‘o munn è gruoss e l'e a considerà

DJARAH
Nun può pensà che chell che nun conosc nun ce sta’

OYOSHE
Miettete int'e pann nfus e chi se move
Quanno ha arrefuso ogne cosa là fore
Pe mezz ‘e n'abus e ‘na puzza ‘e petrolio
Nunn'è ‘na scusa è nu diritt a sta buono
Gambia Nigeria Eritrea
Arò a pace mò è sul n'idea
Chi parl frà nunn'ave idea
Chi o vive s'affront ‘e maree

VALENTINA STELLA
So' mamm e pat, so' frat e sor
Cu n'a speranz ross rint' ‘o cor
Lassan ‘a cas arò sta a uerra
Pe n'a speranza ncopp a chesta terra

RIT.

O' ZULU
A me pur a Napule me chiamman Zulù
Arrivaje cu nu barcon e' ll'area nord, miezz ‘o Gesù
Terrone di merda sulla pancia il mio tattoo
Lo porto con orgoglio questo nome sangue blu

ANDREA TARTAGLIA
Noi non ci offendiamo se l'ignoranza ci accusa
(riconosciamo gli intrusi e gli abusi)
Voi siete i mandanti eleganti di tutti i soprusi
(emarginiamo i collusi e non lasciamo refusi)

EUGENIO BENNATO
Ma Napule ‘sta storia a sape già
Quei signori eleganti son passati di qua
Per chiamare briganti chi nun stev cu llor
Per lavare col fuoco chi era fuori dal coro

ANDREA TARTAGLIA
Parten ‘e bastiment pe terre assaje luntane
Cantan a bordo e so' napulitane
Tornan ‘e bastiment r'a terr cchiù vicine
Cantan a bordo e so', so' tale e quale

RIT.

TOMMASO PRIMO
Fronn ‘e limon stu cant che ven e va
Voce ‘e guagliun dal Cairo alla Sanità
Se credi a Buddha, Gesù, Spiderman o Allah
Si' ‘o frat nuost
Ma arriverà il giorno “X” per l'umanità
Che tutti quanti dovremo andar via da qua
E cercheremo per tutti la libertà
Int' ‘a n'ato post

'O ROM
Ferma sti ruspe chavoro
‘O sole è ancora cavere a chest'ora
Stu fuoco rint' ‘a sti lammere
Tu tien l'auto blu nuje camminamm a per
‘O munno nun tene frontiere
Vulisse purtà ccà odio, muri e barriere
A tiene sulo tu sta uerra ncap
Ma chi t'adda accattà sulo chi nun te sap

SPEAKER CENZOU
Int'a n'attim figlieme int'a n'onda liggera
O perdett int'a stu mar ca se magna e pensier
Ij vulev nu futur pe fuì d'’e bomb
Conviv c'u dolor e spiss nun s'affront
Teng n'isola felice fatt e cocc ricord
Si guard aret tant' e cos n'e support
Vac annaz si Allah me da a forza e sta allert
Sacc che ‘na bomba nun po' essere ‘a scelta

DARIO SANSONE
Vurria che addò se vere a terra accuminciasse a casa toja
Che dessem na man pe chi ven a luntan
E chi se ne importa se cagnano ‘e parole
Stamm cantann a stessa canzone

RIT. EUGENIO BENNATO
Gente d'o sud
Gente d'o mare
Gente che ancora è capace e credere rint' all'amore
E chist è ‘o mood
Bell d'o frat
Int'e culure c'ammiscamm e simm tale e quale

M'BARKA BEN TALEB
(traduzione dall'arabo)
sono tunisina
sono irachena
sono africana
sono italiana
sono francese
sono tedesca
e tutte le terre
sono casa mia

PEPP-OH
Arravoglio tutt'e suonn e speranze int'a ‘na kefiah
Pe chi comm'a me ancor nun s'e arres
A pretes e' ‘na bella vit a vogl pur ij
P'e dispiett e chi ha bumbardat a terra mij
So' chill cull'uocchie chin e cazzimma
E pur si nun teng nient poi c'a spartimme
Me chiamman Giuanne Palestina
Ma pe mammà so' semp Ibrahim

FRANCESCO DI BELLA
Dint a sti vic se sente ‘na lengua nova
E vient e mare che ce ammescano cu llor
Dint a ‘na musica m'arriva nu fatt antic
Capace e raccuntà chell ca nun dicit

DOPE ONE
Patrimonio monetario arrobbat d'e Savoia
E pregiudiz ca s'infizzan o' maln ‘e sappoia
E' ‘o cant, è nu sound-boy, veng r'e doje sicilie
C'at purtat omicidi e violenze a domicilio
Auciell e passagg simm a gent d'’o sud
Clandestin che ponn cagnà 'o destin d’ ‘o munn
Stamm int'e man e chi tene manie e grandezza
E l'immigrazion par l'unica via ‘e salvezza

ROBERTO COLELLA
Ce sta n'amico mio chius int'a na galera
Arò l'unica cella è a voce d'a miseria
Miseria e tutta a gent che crede ancora
E putè cundannà chi tene a pelle nera
Mentre ‘o popolo dorme iss che fa
Co cchiù e mille culure pitt e mure d'a città
E nun cerca sorde, fa bene e scorde
Che ‘o male già ce pensa a Lega Nord

RIT.

FRANCO RICCIARDI
So mamm e pat so frat e sor
Che penzan a famigl simm tal e qual
A guerra e ‘o mare, a ciorta e ‘a famm
O stesso sole scarfa a tutt quant

TUEFF
Gènte d’ ammore ca sona 'a tammorra
Seguo stu' core ca avuto dulòre
Uno culore una "bandiera"
'o miézo stivale se sceta e ce crede
Simmo brigante e nun simmo maje
Stanc' l'anima è viva cu nuje Ninco Nanco
'o SUD nun se tocca so pronto 'a morte comm'è 'a De Cesare e Carmine Crocco


NTÒ
Nient sussidi, vogl ì a dogana
Ij vogl aret chell ca c'at luat
Nient cunsigl no nun vogl ‘o stadio
Essere liber e murì addò nun so nato

GRAGNANIELLO
Gente do Sud

GIANNI SIMIOLI
Da quassù la terra è bellissima
Senza frontiere ne confini

2018/6/12 - 22:23


Nota. Il testo è stato sostituito con una nuova trascrizione di Titta Calemme, che ringraziamo ulteriormente e oltremodo.

CCG/AWS Staff - 2017/3/22 - 13:13


perdonatemi, ero di fretta stamattina... ho fatto una ricerca veloce e non mi era parso fosse stata già inserita... mi dispiace essermi sovrapposta...

potete apportare al testo in napoletano delle piccole modifiche?

LassanNo ‘a casa addó sta ‘a ‘uerra
diventa
Lassano ‘a casa addó sta ‘a ‘uerra

ArravogliA tutt' 'e suonne e ‘e speranze dint’a ‘na kefija
diventa
ArravogliO tutt' 'e suonne e ‘e speranze dint’a ‘na kefija

Segue ‘stu córe ca vótta dulore
diventa
SeguO 'stu core ca ha avuto dulore

scusatemi ancora :)

Titta Calemme - 2017/3/22 - 22:12


p.s. per gennaro

non si tratta di un'altra trascrizione: è sempre la mia, gli omissis sono stati sostituiti di volta in volta dalla gara di comprensione che abbiamo fatto in tanti :)
è stata davvero una bella cosa, credimi...
sono cresciuta con de andrè e guccini e vivo di avitabile, prendendo ogni tanto una boccata d'aria rap con marcello coleman, per cui per me è stata parecchio dura riuscire a capire cosa dicevano... però, pat pat (paccariello di incoraggiamento), me la sono cavata abbastanza bene... grossi granchi non ne ho presi :)

(non rendetelo visibile se potete dirlo a lui direttamente :) )

Titta Calemme - 2017/3/22 - 22:16


quello che canta valentina stella per me non è quello che hanno i scritto i 99...
decidete voi: per loro è lassano, per me è lassanno

nel primo caso correggete il napoletano (per favore :) ) e va bene l'italiano
nel secondo lasciate il napoletano ma correggete l'italiano in "lasciando" (sempre per favore...)

grazie :)

Titta Calemme - 2017/3/22 - 22:28


Carissima Titta, noi ci atteniamo a quel che dici tu; casomai, se un giorno o l'altro volesse intervenire Daniele Sepe (storico frequentatore "della prima ora" di questo sito), potrebbe dipanare la matassa :-P

Intanto rimettiamo a posto un po' la pagina; poi, presumibilmente, cominceranno le traduzioni in varie lingue. Saluti dalla notte fonda!

Riccardo Venturi - 2017/3/23 - 01:40


Nella parte di Carmine D'Aniello degli 'O rom confermo che la parola è ciavoro che in lingua sinta significa bambino

'O Brun - 2017/8/31 - 22:51



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org