Language   

Don't Take My Papa Away From Me

Joe Hill
Language: English


Related Songs

The Tramp
(Joe Hill)
Natalia
(Joan Baez)
Teacher Uncle Ho
(Pete Seeger)


[1915]
Testo e musica di Joseph Hillström [Joe Hill]
Lyrics and music by Joseph Hillström [Joe Hill]

Joe Hill.
Joe Hill.


Scritta nell'anno della sua esecuzione capitale, "Don't Take Away My Papa From Me" fu pubblicata per la prima volta nell'edizione del marzo 1916 del "Little Red Songbook" degli International Workers of the World (IWW).

A little girl with her father stayed, in a cabin across the sea,
Her mother dear in the cold grave lay; with her father she'd always be --
But then one day the great war broke out and the father was told to go;
The little girl pleaded -- her father she needed.
She begged, cried and pleaded so:

Don't take my papa away from me, don't leave me there all alone.
He has cared for me so tenderly, ever since mother was gone.
Nobody ever like him can be, no one can so with me play.
Don't take my papa away from me; please don't take papa away.

Her tender pleadings were all in vain, and her father went to the war.
He'll never kiss her good night again, for he fell 'mid the cannon's roar.
Greater a soldier was never born, but his brave heart was pierced one day;
And as he was dying, he heard some one crying,
A girl's voice from far away:

Don't take my papa away from me, don't leave me there all alone.
He has cared for me so tenderly, ever since mother was gone.
Nobody ever like him can be, no one can so with me play.
Don't take my papa away from me; please don't take papa away.

Contributed by Riccardo Venturi - 2005/10/19 - 16:35


compare to original

Language: Italian

Versione italiana di Riccardo Venturi
20 ottobre 2005

NON PORTATEMI VIA IL MIO PAPA’

Una bimba stava con suo padre in una baracca in riva al mare,
La sua cara mamma giaceva nella fredda tomba, con suo padre sarebbe sempre stata.
Ma poi, un giorno, scoppiò la grande guerra e dissero a suo padre di partire ;
La bambina si mise a implorare, aveva bisogno di suo padre.
Pregò, pianse e supplicò così :

Non portatemi via il mio papà, non lasciatemi qua tutta sola.
Si è preso cura di me così teneramente da quando la mamma è morta.
Nessuno può essere come lui, nessuno sa giocare così con me.
Non portatemi via il mio papà, vi prego, non portatemi via il mio papà.

Le sue tenere suppliche furono vane, e suo padre andò alla guerra.
Non le darà mai più il bacetto della buonanotte, perché è caduto tra il rombo del cannone.
Soldato più grande non era mai nato, ma il suo cuore impavido fu trafitto un giorno ;
E mentre stava morendo, udì qualcuno che piangeva,
La voce di una bambina da tanto lontano :

Non portatemi via il mio papà, non lasciatemi qua tutta sola.
Si è preso cura di me così teneramente da quando la mamma è morta.
Nessuno può essere come lui, nessuno sa giocare così con me.
Non portatemi via il mio papà, vi prego, non portatemi via il mio papà.

2005/10/20 - 02:07

Add...

 New Version (or Translation)   Commentary   Submit address for download 

Main Page
Database Who are we? News Guestbook Links

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org