Lingua   



Lingua: Serbo


Ti può interessare anche...

Kosovo
(Georges Chelon)
Nessuno fece nulla
(CSI)
Regiment po cesti gre
(Rambo Amadeus)


Đorđe Balašević
«La mia è una generazione che aveva tutto. Adesso ci viene detto che era un sogno, un imbroglio, una menzogna, una bugia multicolore, che doveva scoppiare. Avevamo tutto ciò di cui questa generazione che vale più di noi è stata privata. Viaggiavamo per l'Europa, godevamo di una certa considerazione nel mondo. Adesso non puoi neanche andare in Romania per prendere 20 litri di benzina! È la croce della mia generazione. Non solo perché non abbiamo fatto niente ma perché abbiamo permesso che ci fottessero, che rovinassero anche le generazioni future.»
(Đorđe Balašević)


Dobro vece moje dame i gospodo... ovo je ploca o Devedesetim
i kakva je da je, jel' od Devedesetih nece biti gora, to je sigurno


Mi smo bar imali stare gitare... Poneki bedž na reverima...
Glupo bi zvučalo "Je-Je!" uz sve ove dileje s revolverima...
Al zastavu šezdesetih vezle su gramofonske igle...
I put od žute cigle prostro se pred nas...

Mi smo bar imali razne Če Gevare... O-o, i veće prevare...
To mladost spiri u dahu kao šećer u prahu sa bundevare...
Protesti sedamdesetih više su bili odraz mode
Jer bokal pun slobode točen je za nas...

Mi smo bar imali putovanja... Perone, suze, cmakanja...
Crveni pasoš bez mane što prolazi grane bez puno njakanja...
Dnevnici osamdesetih švrljani su na jarke razglednice
Svet je lice šminkao zbog nas...

Mi smo bar imali one snove koji se teško ostvare...
A snovi najčešće vrede tek kad s tobom osede... Kad s tobom ostare...
Nije bas sve na kantaru... Čitavo čudo kupi lova
Ali snova nema piratiranih...

Onda su došle devedesete, tužne i nesretne... Opake...
Gospod je barut primirisao pa ladno zbrisao za oblake...
E, kad već puknu ustave nema nam spasa dok se reke ne zaustave...
No, i taj dan će svanuti...

Onda su došle devedesete, tužne i nesretne... Fobične...
U udžbenike i u čitanke ušle su bitange... Obične...
Kasno je da se paniči... Dali smo šansu da se ludilo ozvaniči...
A sad smo prosto zgranuti?

Mi smo bar imali neke veze s planetom i sa ljudima...
Znalo se ko togu nosi a ko cvetić u kosi... O, blago ludima...
Danas se laž odvažila... A zadnja bagra kroji moral...
Pa je OK koral dignut oko nas...

Ma, jebite se, Devedesete, vas mogu jedino psovati...
Za vama niko neće žaliti niti vam stihove kovati...
Jednu ste mladost sludele, budite sretne ako vam i strofu udele...
Pred crkvom pravih vrednosti...

Ma, jebite se, Devedesete, i vaša priča je gotova...
I dabogda se nikad ne sete svih ovih protuva i skotova...
Kad zakon metlom zamane... Ili ih pusti da se međusobno tamane...
Što ima svojih prednosti...

inviata da Monia Verardi




Lingua: Serbo

Traslitterazione in ћирилица, l'alfabeto cirillico serbo.

Balašević nonostante sia un cantante serbo, di solito pubblica i testi delle sue canzoni in caratteri latini. La lingua serba usa ufficialmente l'alfabeto cirillico, ma in Serbia e nelle zone di lingua serba (dialetto štokavo-ekavo) l'uso dell'alfabeto latino (latinica) è diffuso. Per questo motivo, in questa come nelle altre canzoni in lingua serba preferiamo dare i testi in entrambe le grafie. La corrispondenza tra i due alfabeti è d'altronde perfetta. [CCG/AWS Staff]
ДЕВЕДЕСЕТЕ

Ми смо бар имали старе гитаре... Понеки беџ на реверима...
Глупо би звучало "Је-Је!" уз све ове дилеје с револверима...
Ал заставу шездесетих везле су грамофонске игле...
И пут од жуте цигле простро се пред нас...

Ми смо бар имали разне Че Геваре... О-о, и веће преваре...
То младост спири у даху као шећер у праху са бундеваре...
Протести седамдесетих више су били одраз моде
Јер бокал пун слободе точен је за нас...

Ми смо бар имали путовања... Пероне, сузе, цмакања...
Црвени пасош без мане што пролази гране без пуно њакања...
Дневници осамдесетих шврљани су на јарке разгледнице
Свет је лице шминкао због нас...

Ми смо бар имали оне снове који се тешко остваре...
А снови најчешће вреде тек кад с тобом оседе... Кад с тобом остаре...
Није бас све на кантару... Читаво чудо купи лова
Али снова нема пиратираних...

Онда су дошле деведесете, тужне и несретне... Опаке...
Господ је барут примирисао па ладно збрисао за облаке...
Е, кад већ пукну уставе нема нам спаса док се реке не зауставе...
Но, и тај дан ће сванути...

Онда су дошле деведесете, тужне и несретне... Фобичне...
У уџбенике и у читанке ушле су битанге... Обичне...
Касно је да се паничи... Дали смо шансу да се лудило озваничи...
А сад смо просто згранути?

Ми смо бар имали неке везе с планетом и са људима...
Знало се ко тогу носи а ко цветић у коси... О, благо лудима...
Данас се лаж одважила... А задња багра кроји морал...
Па је ОК корал дигнут око нас...

Ма, јебите се, Деведесете, вас могу једино псовати...
За вама нико неће жалити нити вам стихове ковати...
Једну сте младост слуделе, будите сретне ако вам и строфу уделе...
Пред црквом правих вредности...

Ма, јебите се, Деведесете, и ваша прича је готова...
И дабогда се никад не сете свих ових протува и скотова...
Кад закон метлом замане... Или их пусти да се међусобно тамане...
Што има својих предности...

22/6/2006 - 19:13




Lingua: Italiano

Versione italiana di Monia Verardi
ANNI '90

Buona sera miei signori e signore
questo e' un disco sugli anni '90
e in qualunque modo la mettiate
non ci potrà mai essere una storia peggiore di questa,
questo è sicuro.

Avevamo perfino chitarre vecchie
ed alcune spille sui risvolti delle giacche
Ora suonerebbero stupidi i nosti "Yè-yè"
tra queste odierne tragedie tra revolver...
La bandiera degli anni '60 l' hanno tessuta le puntine dei giradischi
e la strada di mattoni gialli era aperta davanti a noi
Noi avevamo perfino vari Che Guevara
oh, oh, ed inganni anche più grandi:
il fatto che la gioventù si sia consumata velocemente
come lo zucchero a velo in una torta di zucca
Le proteste degli anni '70
sono state per di più un riflesso della moda
perché per noi il boccale di libertà era già stato versato...
Ehi, potevamo perfino viaggiare... binari, lacrime, baci...
con un passaporto rosso senza difetti
che attraversava le frontiere senza troppe storie sì, sì...
I quotidiani degli anni '80 erano scarabocchiati sulle cartoline splendenti
Il mondo si era truccato per noi...
Avevamo perfino quei sogni che difficilmente si sarebbero realizzati
ma i sogni valgono per il solo fatto di portarli con te fino a quando non
avrai qualche filo grigio nei capelli e perché invecchieranno con te
Non si può misurare quello che vale solo sulla bilancia
si può comprare tutto con i soldi
ma non ci sono sogni da pirata....

E poi sono arrivati gli anni '90, tristi e infelici... crudeli
Il Signore ha annusato la polvere da sparo
e in un momento freddamente se n'è scappato in cielo
E quando apre una diga, non c'e' piu' scampo
fino a che i fiumi non si saranno fermati
Forse quel giorno arriverà, prima o poi....

E poi sono arrivati gli anni '90, tristi e infelici... fobici...
Nei libri scolastici e nelle antologie sono entrati gli aguzzini, si...
i soliti
È tardi per farsi prendere dal panico...
siamo stati noi a dare l'opportunità alla follia di rendersi ufficiale,
e ora restiamo semplicemente sbalorditi...

Avevamo perfino contatti con il pianeta e con le persone
si sapeva chi indossava la toga e chi metteva un fiorellino nei capelli
Oh, beati i pazzi!
Oggi si è data arie la bugia e l'ultima gentaglia modella la morale
Ma va bene "OK Corral" alzato attorno a noi

Ma andate a farvi fottere anni '90,
non posso far altro che bestiemmiarvi addosso
nessuno vi rimpiangerà mai
e nemmeno vi forgerà un verso...
avete portato alla pazzia una generazione
consideratevi felici se vi sarà fatta al massimo una strofa
davanti ad una chiesa di giusti valori...

Ma andate a farvi fottere anni '90
e finalmente anche la vostra storia è finita!
E voglia il cielo che che non ci si ricordi piu' di tutti questi avventurieri
e bestie quando la legge comincerà a fare pulizia
o voglia il cielo che siano loro a sterminarsi a vicenda...
cosa che ha i suoi vantaggi, e come....



Lingua: Italiano

Versione italiana di Filip Stefanović

Mi permetto di aggiungere una traduzione che ho fatto tempo addietro, sempre in italiano.
ANNI 90

“Buonasera signore e signori, questo è un album sugli anni ’90, e bello o brutto che sia, non sarà peggio degli anni ’90, questo è certo...”

Eh, noi almeno avevamo chitarre vecchie... qualche spilla sui baveri...
Suonerebbe stupido uno “Ye!-Ye!”, tra tutti questi idioti armati di revolver...
Ma la bandiera dei Sessanta veniva tessuta dagli aghi di grammofono...
E una strada di gialli mattoni si stendeva ai nostri piedi...

Noi almeno avevamo diversi Che Guevara... Oh-oh, anche truffe più grandi!
Ai giovani queste cose spirano negli animi come zucchero a velo da una torta di zucca...
Le manifestazioni dei Settanta erano più frutto di una moda
Perché un calice pieno di libertà veniva versato solo per noi...

Noi almeno avevamo i viaggi... Binari, lacrime, baci...
Un passaporto rosso senza difetti, che superava i confini senza troppi problemi...
I telegiornali degli Ottanta venivano disegnati su cartoline luminose
Il mondo si truccava il volto per noi...

Noi almeno avevamo quei sogni che difficilmente si realizzano...
E i sogni valgono soprattutto quando incanutiscono con te... Con te invecchiano...
Non è tutto pesato al mercato... I soldi comprano meraviglie
Ma non esistono sogni piratati...

Poi sono arrivati i Novanta, tristi e sfortunati... Sciagurati...
Il Signore ha annusato la polvere da sparo, e freddamente s’è defilato dietro le nuvole...
E quando già crollano le dighe non c’è scampo per noi fino a che non si fermano i fiumi...
Ma anche un tale giorno albeggerà... Speriamo...

Poi sono arrivati i Novanta, tristi e sfortunati... Fobici...
Nei libri scolastici e di testo sono entrati semplici imbroglioni...
È tardi per farsi prendere dal panico... Abbiamo dato la possibilità alla follia di avverarsi...
E adesso ci mostriamo quasi sorpresi

Noi almeno avevamo dei contatti col mondo e con le persone...
Si sapeva chi portava la toga e chi il fiorellino tra i capelli... Fortunati i pazzi...
Oggi la menzogna si è riscattata... E l’ultimo dei truffatori decide la morale...
E un “OK Koral” è stato alzato intorno a noi...

Ma fottetevi Novanta, posso solo insultarvi...
Non vi rimpiangerà nessuno, né vi dedicherà dei versi...
Avete fatto ammattire una gioventù, ritenetevi soddisfatti se vi concederanno anche solo una strofa
Davanti alla chiesa dei veri valori...

Ma fottetevi Novanta, anche la vostra storia è finita
E voglia Dio che non si ricordino mai di questi idioti e bestie...
Il giorno che la giustizia passerà la scopa... o li lascerà scannarsi a vicenda...
Cosa che ha i suoi vantaggi... Eccome!

inviata da Filip Stefanović - 11/6/2009 - 18:06




Lingua: Inglese

Versione Inglese
THE NINENTIES

At least we had old guitars…Some badge on lapels…
"Ye-Ye!" would sound stupid along with all these idiots with revolvers…
But, it was gramophone needles that embroidered the flag of the sixties…
And a yellow brick road unfolded in front of us…

At least we had various Che Guevaras…And, major deceptions…
It is the youth that blows in one breath, like powdered sugar from a pumpkin pie…
Protests of the seventies were more a reflection of a style…
Because, a pitcher filled with freedom was poured out for us…

At least we had travels…Railway platforms, tears, and kisses…
The red passport with no deficiency that passes borders without many problems…
TV reports of the eighties were scribbled over bright postcards…
The World was masking its face because of us…

At least we had those dreams, which hardly come true…
And dreams are usually worth the most when they turn grey with you…Age with you…
Not everything is on a steelyard…Money can buy miracles…
But, there are no piratical dreams…

Then, the nineties have come, sorrowful and grievous…Wicked….
The Lord has smelled gunpowder, and has escaped behind the clouds…
Once, when dams burst, there is no salvation for us until rivers stop…
But, such day will dawn…Eventually…

Then, the nineties have come, sorrowful and grievous…Phobic…
Ordinary bums broke into text- and reading- books…
It is too late to panic…We gave a chance for the madness to become official…
And now we are like simply surprised…

At least we had something to do with the planet and people…
It was known who wears a robe, and who wears a flower in the hair…Lucky, the crazy ones…
A lie got bold, nowadays…And the last scum administers morality…
So that the "OK coral" is raised around us…

Fuck you nineties, you can only be swore at…
Nobody will grieve after you, nor will they forge verses for you…
You have brought one youth to madness, be happy if even a stanza is dedicated to you…
In front of a church of real values…

Fuck you nineties, your story is over, too…
And God forbid that they ever remember all these morons and distrustful ones…
When the law sweeps with its broom…or it lets them beat each other up…
Which has its advantages…

Evento di Pace Sarajevo 2014
Una lettera a tutti coloro che sono ancora incerti per partecipare



Gentile Signore / a,
Cari Colleghi,
Cari amici della Pace,

In 10 giorni inizierà il più grande raduno internazionale di pace, che riunirà le riflessioni sulla pace e le analisi della situazione politica con le sfide attuali e le azioni relative alla pace e alle minacce alla pace in tutto il nostro mondo.

Oltre 190 workshop, le tavole rotonde, l'Assemblea di pace e gli eventi di apertura e chiusura si occuperanno di una serie di aspetti della creazione di pace di fronte alle sfide globali come il cambiamento climatico e le crisi alimentari. Essi discuteranno gli argomenti di violenza e di oppressione, con l'obiettivo di sviluppare delle soluzioni alternative come la non-violenza e la risoluzione civile del conflitto e quindi garantire la loro accettazione politica - nonostante la cultura politica a livello mondiale che si basa quasi esclusivamente sulla guerra e la violenza.

Insieme a persone interessate della regione vogliamo continuare il processo di trattare con la terribile guerra in Jugoslavia e oltre. Qui speriamo anche di acquisire l’esperienza per il nostro lavoro per la pace locale e globale.

Una selezione di eventi e azioni servirà anche per permetterci di esprimere la nostra solidarietà con le vittime del devastante inondazioni nella regione.

La diversità di eventi culturali che caratterizzano l'evento di Pace varia dalle mostre interessanti attraverso workshop alle sfide culturali e concerti all'aperto. La cultura è inseparabilmente collegata al nostro impegno per la pace.

Un campo giovani con la propria autonomia ed il carattere dell’azione orientata contribuirà a questo impegno, fornendo un forum di grande discussione per i giovani provenienti dall’Europa e dalle altre parti.

Ci sono ancora posti liberi!

Colorato, vario, internazionale e pluralista - il nostro evento di pace riunirà storia e attualità, analisi e azione.

Le possibilità di dialoghi e incontri internazionali sono molteplici ed include le persone di Sarajevo e della Bosnia-Erzegovina.

Vale la pena una visita a Sarajevo da 6-9 Giugno!

Per maggiori informazioni, ulteriori dettagli dei piani e di una panoramica della ricchezza degli eventi, si prega di visitare il sito:

http://www.peaceeventsarajevo2014.eu

Sabina Dina Nuhefendic - 31/5/2014 - 20:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org