Lingua   

I partigiani di Castellino

anonimo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Lettera a Nicoli
(Canta u Populu Corsu)
Il canto della Pievvecchia
(Suonatori Terra Terra)
La madre del partigiano
(Gianni Rodari)


[1944]

I partigiani di Castellino è una canzone cantata sull’aria dell’Inno degli studenti universitari fascisti. Si sa che le parole furono scritte nel 1944 durante una marcia di trasferimento da Castellino (Cuneo) a Marsaglia,

Commento e testo reperito in questa pagina
Al comando di Granzino,
dalle Langhe noi veniam
partigiani di Castellino
che la patria difendiam.

Barbe lunghe e scarpe rotte
un fucile nella man
noi pugniamo sempre giorno e notte
e l’onor ti vendichiam.

Quando il cammin si fa più duro
noi resistiam e non ci arrestiam
quando il ciel si fa più scuro
allora noi cantiam!

Tra boschi e macchie nelle tane
come lupi noi viviam
aspra guerriglia
che da giorni e da mesi conduciam!

La nostra fede
sarà quella che sui vili vincerà
c’è una voce che dirà: «Viva i baldi, viva i veci
partigian di Castellin!»

C’è una voce che dirà:
«Viva i baldi, viva i veci
partigian di Castellin!»

inviata da adriana - 16/12/2018 - 10:27



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org