Lingua   

A paghjella di l'impiccati

A Filetta


Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

Corsica mea
(Voce Ventu)
La justice
(Prince Ringard)
Salgo su
(Banda Fratelli)


(Ghjuvan-Teramu Rocchi/Ghjuvan-Claudiu Acquaviva)
Album: Intantu
intantu

niolu74


ocorsu


"U 23 di ghjugnu in cunventu di Calacuccia, l’Associu Niolu Memoria è Ricordu hà urganizatu a cummimurazione di u sacrifiziu di l’impiccati è di i dipurtati di u Niolu u 23 di ghjugnu scorsu. Sta ghjurnata di ricordu ramenta l’annu 1774, "l’annu di a disgrazia" dicenu à spessu i Niulinchi. Dopu à Ponte Novu, a risistenza hà cuntinuatu dinò una bellu pezzu più o menu à palesu. In li principii di u 74 Nicudemu Pasqualini, scalatu da a Tuscana, sbarcò à l’appiattu circhendu di move una rivolta, i Niulinchi eranu parechji cun ellu. Hè tandu chì a ripressione l’ hà minati di dipiù à elli quella annata. L’infamu Sionville è u Culunellu Gaffori ghjunti in Niolu arristonu una mansa di ghjente è i purtonu in cunventu di Calacuccia cambiatu in prighjò. In lu frà tempu e case eranu sacchighjate è po dopu brusgiate, è e ghreghje scannate. Dodici patriotti funu purtati in tribunale, è una cinquantina mandati in galera in Tulò duve morsenu guasgi tutti in la Tora maiò di u Forte Lamalgue. I dodici, arristati u 21 di ghjugnu di sera, funu intarrugati è ghjudicati u 22 è 23 sinamente à meziornu è marturiati è assassinati in lu dopu meziornu di u 23. L’Associu hà fattu mette una lastraca di marmaru in cuventu di Calacuccia (vede a fotò) ramintendu casate, nomi è età di l’impiccati (u più giovanu Marcu Maria Albertini avia diciasette anni).
a Manca Naziunale.


niolu"On espère que le mois ne se finira pas qu'on se soit venu a bout de détruire entièrement cette race" – Alexandre de Roux, colonnello francese, 1774.

Dopo l'annessione forzata della Corsica alla Francia nel 1769, nel marzo 1774 si preparò sull'isola una rivolta. Fu organizzata da Teseu Di Petralba, dal colonnello Cesare Matteu de Petriconi, da Pace Maria Falconetti, Cesaru d'Orezza, Tumasgiu Cervoni, Ghjuvan Petru Giampetri, Nicodemu Pasqualini (capo dei partigiani di Petralba, tornato segretamente dal suo esilio in Toscana per ristabilire il governo nazionale corso), Ghjuvan Maria Bonelli (detto Zampaglinu di Bucugnà), Paulu Capellini, Anghjulu Saveriu Valentini ed i suoi sei fratelli. Sembra però che Gjuvan Petru Giampetri abbia tradito, e che abbia denunciato i suoi compagni prima che la rivolta avesse luogo. La repressione fu terribile e molti furono deportati al bagno di Tolone.

Un vento di rivolta soffiava sulla Corsica dopo la sanguinosa annessione del 1769; il desiderio di ritrovare la libertà non era mai stato così grande. Il 31 marzo 1774 ebbe luogo una cunsulta sul Capo Corso, e i rivoltosi decidettero di attaccare Corte. In maggio si rivoltarono gli abitanti di Castirla, nel Niolo, quando Marbeuf, il comandante militare della Corsica, fece imprigionare Cesaru d'Orezza. 400 uomini presero le armi.

Il 10 maggio morì il re di Francia, Luigi XV. Marbeuf fu chiamato a corte, e fu sostituito dal conte di Narbonne. Quest'ultimo si dedicò ad un vero e proprio massacro. Non si contarono più le deportazioni senza alcuna forma di processo, ed ogni persona che portasse un'arma era considerata colpevole. Se chi deteneva un'arma non si arrendeva, il conte di Narbonne s'impegnava a perseguire lui e la sua famiglia; se si arrendeva gli prometteva salva la vita (ma al bagno di Tolone).

E' in questo clima che il Niolo si sollevò di nuovo. Il dott. Paulu Andreani, Tumasgiu Cervoni e Paulu Capellini presero il comando del movimento, attaccando i soldati francesi. Sionville e il conte di Narbonne inviarono 16 battaglioni facendoli appostare in Castagniccia (Merusaglia) alle costole dei niulinchi. I francesi erano a conoscenza della rivolta, sicuramente informati da alcuni traditori.

Il 21 giugno i niolinchi furono accerchiati. Undici di essi furono condannati a morte per impiccagione; il dodicesimo, Matteu Mattei, riuscì a fuggire. Altri 52 furono deportati al bagno di Tolone. Il responsabile del tribunale ambulante che condannò i niolinchi si chiamava François Wallet de Merville. Non fu ammessa per gli imputati alcuna forma di difesa, mentre furono chiamati diversi testimoni a carico; in realtà si trattava di traditori che ne approfittarono per vendicarsi e regolare vecchie storie ( tra di loro Ghjuvanni Matteu Santucci, Ghjuvan Battista Memi e il sacerdote don Castellani di Calacuccia). Gli undici impiccati furono scelti a caso tra gli imputati, solo per dare un esempio. Tra di essi, un ragazzo di soli 17 anni, Marcu Maria Albertini (alcuni affermano avesse solo 15 anni, mentre le autorità francesi dissero che ne aveva 20). Il convento di Calacuccia fu trasformato in prigione; le case dei condannati furono saccheggiate e le greggi di pecore furono sgozzate.

I condannati furono impiccati a Corscia, e fu Sionville in persona a scegliere dei rami abbastanza solidi per reggere il peso di dieci adulti e di un ragazzo. L'impiccagione ebbe luogo il 23 giugno 1774 nel primo pomeriggio. I cadaveri furono in seguito esposti davanti al loro paese.

Il comandante Nicodemu Pasqualini si era barricato nella fortezza di Aleria. Per 4 giorni la quindicina di patrioti corsi che erano con lui riuscirono a resistere, poi presero la fuga. Nicodemu Pasqualini si rifugiò sul Capo Corso, da dove riuscì poi a prendere il mare per l'Isola d'Elba raggiungendo infine Livorno.

In agosto e settembre ebbero luogo altre rivolte contro la colonizzazione francese (nel Boziu e sempre nel Niolo). Come rappresaglia, paesi interi furono rasi al suolo e uomini e donne furono uccisi senza pietà e deportati. A francisata (la francizzazione) iniziò nel sangue; migliaia di corsi, uomini e donne, furono assassinati.

Il processo ai niolinchi fu una vera e propria farsa. In soli tre giorni, i niolinchi furono arrestati, giudicati e impiccati. In Corsica, ancora oggi, l'anno 1774 viene ricordato come l'annu di a disgrazia.

Gli impiccati furono i seguenti:

Cesaru Acquaviva, detto Ciccione è Raimondu, 36 anni, dell'Aquale
Antone Albertini, 36 anni, di Corscia
Ghjuvan Stefanu Albertini, 35 anni, di Corscia
Marcu Maria Albertini, 15 (o 17) anni, di Corscia
Ghjuvanni Albertini, 48 anni, di Lubertacce
Ignaziu Geronimi, 40 anni, di Bonamanacce
Ghjuseppu Maria Luciani, 38 anni, di Sidossi
don Ignaziu Maestracci, 24 anni, di Corscia
Ghjuvan Francescu Mattei, 40 anni, sindaco di Corscia
Anghjulu Romani, 24 anni, di Corscia


(traduzione di un articolo in francese proveniente da Cultura Corsa)

Nota. La canzone è cantata generalmente con tre strofe. Ne esiste una quarta (comunicataci qui da Mauriziu) che riproduciamo comunque in corsivo. [CCG/AWS Staff]
Sè vo ghjunghjite in Niolu
ci viderete un cunventu,
di u tempu u tagliolu
ùn ci n'hà sguassatu pientu.
Eranu una sessantina
chjosi in pettu à lu spaventu.

Dopu stati straziati
da i boia, o chì macellu!
Parechji funu impiccati,
ci n'era unu zitellu
l'anu tuttu sfragellatu
è di rota è di u cultellu.

Oghje chì ghjè oghje in Corscia
fateci casu una cria
si pate sempre d'angoscia
intesu di Marcu Maria.
Era quessu u su nome,
mancu quindeci anni avia.

Sè vo ghjunghjite in Niolu
ci viderete un cunventu,
di u tempu u tagliolu
ci dice ancu lu ventu.
Libertà libertà sempre
doppu tamantu spaventu.

inviata da Riccardo Venturi - 22/4/2007 - 00:05




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
22 aprile 2007

niolurame


Nota: La traduzione è stata volutamente condotta nel modo più aderente possibile al testo corso.
PAGHJELLA DEGLI IMPICCATI

Se giungete in Niolo
ci vedrete un convento
del tempo la mannaia
non ha cancellato niente.
Erano una sessantina
chiusi in petto dallo spavento.

Dopo essere stati straziati
dai boia, che macello!
Parecchi furono impiccati,
c'era un ragazzino,
l'hanno tutto sfracellato
con la ruota e col coltello.

Oggi come oggi ancora a Corscia
fateci caso perbene
si patisce sempre d'angoscia
una volta inteso [il nome di] Marcu Maria.
Era questo il suo nome,
manco quindici anni aveva.

Se giungete in Niolo
ci vedrete un convento,
del tempo la mannaia
ci dice anche il vento.
Libertà, libertà sempre
dopo un sì grande spavento.

22/4/2007 - 01:32




Lingua: Francese

Version française d'après "La Coccinelle"
Site de traduction de chansons

Note: Il y avait dans la traduction beaucoup de fautes d'ortographe qui ont été corrigées. La traduction n'adhère pas strictement aux paroles en langue corse. La traduction du quatrième couplet, qui n'est pas normalement chanté, est de Riccardo Venturi. [RV]
CHANT DES PENDUS

Si vous passez par le Niolu
Vous y verrez un couvent
Les pleurs qui encore l'entourent
N'ont pu être effacés par le temps
Ils étaient près de soixante
Pris au coeur de l'épouvante.

Après avoir été torturés
Par les bourreaux, quel massacre!
Plusieurs furent pendus
Il en était un tout jeune
Son corps fut mis en lambeaux
Par la roue, par le couteau

Aujourd'hui encore à Corscia
Si vous y prêtez attention
L'angoisse est encore palpable
A la seule evocation de son nom.
Cet enfant s'appelait Marcu Maria,
Il n'avait même pas quinze ans.

Si vous passez par le Niolu
Vous y verrez un couvent
Et nous dit même le vent
Que tout a été effacé.
Liberté, liberté à jamais
Après une peur si grande.

inviata da Riccardo Venturi - 22/4/2007 - 01:34




Lingua: Corso

Quatrième couplet [Quarta strofa] :
Sè vo ghjunghjite in Niolu
ci viderete un cunventu,
di u tempu u tagliolu
a ci dice anchu lu ventu,
Libertà libertà sempre
doppu tamantu spaventu.

inviata da mauriziu - 30/8/2011 - 15:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org