Language   

Enduring Peace [20 marzo 2003]

Ivan Della Mea
Language: Italian


Related Songs

In Our Little Town
(Holly Near)
Nove Maggio
(Ivan Della Mea)
La canzon del Navili
(Ivan Della Mea)


Scritta da Ivan della Mea il 20 marzo 2003
a Sesto Fiorentino
Pubblicata su "L'Unità" del 23 marzo 2003
e poi nel volume "Prima di Dire - Dalla caduta del muro di Berlino alla Seconda guerra del Golfo"
(Edizioni Jaca Book - Circolo il Grandevetro, Milano 2004)

Si tratta in realtà di una poesia; ma chi può dire che una poesia di Ivan Della Mea non trovi una musica? Lui non gliela scrisse, ma non fa nulla.
La scrisse a Sesto Fiorentino, al De Martino, il 20 marzo 2003.
Il 20 marzo 2003, circa duecento anni fa, iniziarono i bombardamenti su Bagdad. Il capolavoro USA di cui i frutti si vedono ancor meglio oggi.
Il 20 marzo 2003 io stavo a Bruay-sur-l'Escaut, Dipartimento del Nord, Francia.
Il 20 marzo 2003 Lorenzo Masetti mise in rete questo sito.

La data apposta accanto al titolo non fa parte del titolo originale. Ce l'ho messa io. [RV]
Nessuno mi ha insegnato come si muore
E pensare che i morti io li ho visti
Ma sono morti senza dirmi nulla:
dio li preservi
Dai dodici ai quindici anni
in collegio a Milano
Ho visto tanti morire
Nelle loro case
Dai "poveri vecchi"
E anche da quelli che stavano bene
A quattrini intendo
E dovevo pregare per loro per contratto
Pareva non fosse cosa della morte
Pareva fosse cosa di bottega: commercio
No, non ho imparato
Ecco
Durante l'infarto stavo morendo
Ma non lo sapevo
E se non sai che stai morendo
Puoi morire: questo non è bene
e non è male
È soltanto abbastanza normale
Fatto è che non so morire
Non è facile posso capire
Forse una guerra aiuta può aiutare
E allora?
Allora una speranza c'è
D'imparare prima delle tombe
Come si muore oggi sotto le bombe
Io ho il mio kit da buon cristiano
Si chiama: De profundis
E ha pure la bugia in italiano
C'è l'olio benedetto per l'estrema unzione
Una stola
L'ostia sacrata per la comunione
Un'ampollina d'acqua per le labbra
dell'ultima preghiera
Io so sacramentarmi prima di morire
mattina e sera
Per il resto debbo improvvisare
Ma ho fiducia in George Dabliù Bush
È il meglio sulla piazza
Nessuno insegna a morire come lui
Una morte intelligente sicura
Ora so
Soltanto lui
Può darmi una pace enduring: duratura.

Contributed by Riccardo Venturi - 2017/5/15 - 15:41



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org