Language   

Fall Dog Bombs the Moon

David Bowie
Language: English


Related Songs

It's No Game (Part 1 & 2)
(David Bowie)
Forbidden Colours
(Ryuichi Sakamoto / 坂本 龍 )
The End of the Innocence
(Don Henley)


[2003]
Parole e musica di David Bowie
Nell'album “Reality”

Reality

The sword… is unsheathed. The blade… stands ready.
(Oliver North, Fox News, 18 March 2003)

Reality was a wartime album, written and cut during the United States’ invasion of Iraq in the spring of 2003. It was the record of a man living in a city whose attack had provided the justification for the war; it was the work of a British expatriate sickened by the war’s long, seemingly orchestrated media buildup.

La spada... è sguainata. La lama... è pronta.
(Oliver North, Fox News, il 18 marzo 2003)

“Reality” era un album in tempo di guerra, scritto apposta per l'invasione degli Stati Uniti dell'Iraq nella primavera del 2003. E' stato la testimonianza di un uomo che viveva nella città il cui attacco aveva fornito la giustificazione per la guerra; è stato il lavoro di un espatriato britannico disgustato dalla lunga preparazione di quella guerra, ben orchestrata dai media.

(Dall'approfondimento relativo alla canzone su Pushing Ahead of the Dame. David Bowie, song by song)


“Fall Dog” - intraducibile, parrebbe quasi uno dei nomignoli che gli americani usano spesso dare ai loro ordigni di morte, come la “Fat Man” di Nagasaky – è sicuramente George W. Bush o, meglio, Dick Cheney, il suo fido scudiere nonché ai vertici della multinazionale “multiservizi” Halliburton, che con la guerra ha fatto e continua a fare un sacco di soldi.
Ma oggi il protagonista di “Fall Dog Bombs The Moon” potrebbe essere benissimo Donald Trump, uno che inorridisce ed esplode d'ira per quei bellissimi bambini gassati da Bashar al-Assad dimenticando tutti i bellissimi bambini trucidati, deliberatamente o per errore, nelle guerre americane di questi ultimi decenni...



Per esempio, e restando solo agli ultimi eventi, non sono stati forse i bombardieri americani che a Mosul nel marzo scorso hanno ammazzato 150, forse 200 civili, molti i bimbi, in un colpo solo?!? Il progetto Airwars, che monitora i “danni collaterali” causati dai bombardamenti della coalizione anti ISIS a partire dal giugno 2014, calcola che i civili uccisi siano ad oggi ormai almeno 3.000...

Già, e allora di cosa inorridisce The Donald?!?

Ipocriti e impostori, come al solito, manica di assassini di massa, tutti quanti, terroristi che accusano gli avversari di terrorismo, e interi popoli presi nel mezzo, ostaggio di tutti questi “Fall Dogs” assetati di potere, di petrolio e di sangue, tutti identici tra loro, che si chiamino Bush, Obama, Clinton, Trump, oppure Assad, Putin, Al-Baghdadi, o ancora re Salmān dell'Arabia Saudita, Erdoğan, Netanyahu, Rouhani...

CHE L'INFERNO VI INGHIOTTA TUTTI QUANTI, MALEDETTI BASTARDI!!!
Hope, little girl
Come blow me away
I don’t care much
I’ll win anyway
Just a dog

I’m God damn rich
An exploding man
When I talk in the night
There’s oil in my hands
What a dog

Fall Dog is cruel and smart
Smart time breaks the heart
Fall Dog bombs the moon
Devil in a market place
Devil in your bleeding face
Fall Dog bombs the moon
What a dog

There’s always a moron
Someone to hate
A corporate tie
A wig and a date
Just a dog

These blackest of years
That have no sound
No shape, no depth
No underground
What a dog

Fall Dog is cruel and smart
Smart time breaks the heart
Fall Dog bombs the moon

A Devil in a market place
A Devil in your bleeding face
Fall Dog bombs the moon
What a dog

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/4/7 - 22:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org