Lingua   

La madre del partigiano

Gianni Rodari
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Inno della Banda Patrioti della Maiella
(anonimo)
Il pane
(Gianni Rodari)
Salvatore Quasimodo: Ai fratelli Cervi, alla loro Italia
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


Poesia di Gianni Rodari messa in musica da Stefano Panzarasa

 “Orecchioverde – Omaggio a Gianni Rodari. Poesie e filastrocche eco-pacifiste”, a cura di Stefano Panzarasa (2009).
l orecchio verde di Gianni Rodari
Sulla neve bianca bianca
c'è una macchia color vermiglio;
è il sangue, il sangue di mio figlio,
morto per la libertà.

Quando il sole la neve scioglie
un fiore rosso vedi spuntare:
o tu che passi, non lo strappare,
è il fiore della libertà.

Quando scesero i partigiani
a liberare le nostre case,
sui monti azzurri mio figlio rimase
a far la guardia alla libertà.

inviata da DonQuijote82 - 17/1/2013 - 12:30


Interpretata per il 70° della Liberazione dalla Banda POPolare dell'Emilia Rossa

Paolo Brini - 7/6/2015 - 18:25


L'autore Gianni Rodari ci racconta di un partigiano che era andato in guerra.Questo ragazzo morì per la libertà quando scesero i partigiani per liberare le cose, sul monte rimase il corpo di questo ragazzo come guardiano della libertà

Alexia caracciolo - 24/4/2018 - 21:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org