Lingua   

Fala do velho do Restelo ao astronauta

Manuel Freire


Lingua: Portoghese


Ti può interessare anche...

Livre (Não há machado que corte)‎
(Manuel Freire)
Ei-los que partem
(anonimo)
O sangue não dá flor
(Manuel Freire)


Letra: poema de José Saramago
Música: Manuel Freire

Testo: poesia di José Saramago
Musica: Manuel Freire

Manuel Freire.
Manuel Freire.
José Saramago.
José Saramago.




Credo sia superfluo spiegare chi sia l’autore del testo sopra...

Il "vecchio del Restelo" è un personaggio del poema I Lusiadi, di Camões, che narra il viaggio di Vasco de Gama in India, nel 1498. Il Restelo è la spiaggia del Tago a Lisbona da dove partirono le navi della spedizione. Il Vecchio sarebbe un anziano popolano che non è d'accordo con la scelta "ultramarina" del re portoghese. In riferimento al paralello fatto da Saramago, ricordo che questa scelta espansionista ha provocato il depauperamento ed infine il crollo della nazione, rimasta sotto il possesso degli spagnoli dal 1580 al 1640.

José Colaço Barreiros.
Aqui na terra a fome continua
a miséria e o luto e outra vez a fome
Acendemos cigarros em fogos de napalm
e dizemos amor sem saber o que seja.
Mas fizemos de ti a prova da riqueza,
ou talvez da pobreza, e da fome outra vez.
E pusemos em ti nem eu sei que desejos
de mais alto que nós, de melhor e mais puro.

No jornal soletramos de olhos tensos
maravilhas de espaço e de vertigem.
Salgados oceanos que circundam
ilhas mortas de sede onde não chove.
Mas a terra, astronauta, é boa mesa
(e as bombas de napalm são brinquedos)
onde come brincando só a fome
só a fome astronauta, só a fome.

inviata da José Colaço Barreiros - 15/6/2006 - 11:51




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
15 giugno 2006
DISCORSO DEL VECCHIO DEL RESTELO ALL'ASTRONAUTA

Qui sulla terra la fame continua,
la miseria, il lutto e ancora la fame.
Accendiamo sigarette in fiamme al napalm
e diciamo amore senza sapere ciò che sia.
Ma abbiam fatto di te prova di ricchezza,
o forse di povertà, e poi ancora di fame,
E abbiamo in te riposto non so quali desideri
di più elevato di noi, di migliore, di più puro.

Nel giornale leggiucchiamo di occhi tesi,
meraviglie di spazio e di vertigine.
Salati oceani che circondano
isole morte di sete dove non piove.
Ma la terra, astronauta, è buona tavola
(e le bombe al napalm sono balocchi)
dove giocherellando mangia solo la fame,
solo la fame, astronauta, solo la fame.

15/6/2006 - 12:18




Lingua: Francese

Version française – PROPOS DU VIEUX DU RESTELO À L'ASTRONAUTE – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson portugaise de Manuel Freire sur un poème de José Saramago, d'après la version italienne de Riccardo venturi – 2010

Je crois superflu d'expliquer qui est l'auteur du texte...
Le vieux du Restelo est un personnage des Lusiades de Camões, qui raconte le voyage de Vasco de Gama vers les Indes en 1498. Le Restelo est la plage sur le Tage à Lisbonne d'où partirent les navires de l'expédition. Le Vieux serait un homme du peuple qui n'est pas d'accord avec le choix « ultramarin » (outremer) du roi du Portugal. En référence au parallèle tracé par Saramago, je rappelle que ce choix expansionniste provoqua l'appauvrissement et en fin, l'écroulement du Portugal, qui tomba sous domination espagnole de 1580 à 1640.
José Colaço Barreiros


Oh !, Lucien l'âne mon ami l'équidé, l'ongulé sévère et souriant à la fois, te souviens-tu du Portugal, de l'Alentejano, de la tour là-haut à Lisbonne, du Dieu manchot, de tous ces aveugles, du potier, de ce peuple enfin lucide qui ne voulait pas voter, de cette écriture étonnante et merveilleuse et de l'homme qui l'écrivait... Te souviens-tu du temps des œillets ? Pour tout dire, te souviens-tu de José et de la fois où tu l'as porté sur ton dos pour l'emmener à Lisbonne un jour de révolution, toi qui portas tant de gens au cours des temps... De ce José qui fut menuisier et serrurier, de ce José qui manœuvre intellectuel, lui aussi, s'en alla révolutionner la ponctuation des romans... José qui nous enseigna les hétéronymes... José, le dernier évangéliste et sans doute, le plus vrai.

Et comment que je m'en souviens... C'était un temps déraisonnable, les chars s'arrêtaient aux feux rouges, les fleurs poussaient dans les fusils, le peuple était en fête et les soldats pacifistes, un grand moment crois-moi. Et celui-là, l'évangéliste était comme tous les autres : heureux. Je me souviens aussi que tu as toi-même écrit une chanson et que tu lui avais donné le titre de son roman : « Le Siège de Lisbonne ». Je me souviens...

Et bien, José l'évangéliste vient de nous quitter. Il n'écrira plus.

Quoi ? Comment ? Quand ? Là tout de suite, aujourd'hui … Quelle épouvante m'étreint subitement... J'en tremble, j'en suis tout bouleversé...

Ah, Lucien mon ami l'âne, ressaisis-toi, quoique triste, la chose était inévitable, comme elle le sera pour nous. Le jeu des ombres est terminé, le philosophe a quitté la caverne. La mort, vieille compagne, héroïne d'un de ses derniers romans, ne lui a pas adressé de lettre violette; elle est venue directement lui parler d'amour. Elle lui a dit, comme à l'Oncle Archibald de Georges Brassens : « çà fait longtemps que je t'aime et notre hymen à tous les deux était prévu depuis le jour de ton baptême... Si tu te couches dans mes bras, alors la vie te semblera plus facile... Tu y seras hors de portée des chiens, des loups, des hommes et des imbéciles... » C'est tout ce qu'on lui souhaite.

Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane
Oh! Lucien l'âne, il mio amico equino, l'ungulato severo e sorridente allo stesso tempo, ti ricordi del Portogallo, dell'alentejano, della torre lassù a Lisbona, del dio monco, dei ciechi, del vasaio, di quel popolo finalmente lucido che non voleva votare, di quella scrittura sorprendente e meravigliosa e dell'uomo che la scriveva... Ti ricordi del tempo dei garofani? Per dirla tutta, ti ricordi di José e di quella volta che l'hai portato sul dorso per condurlo a Lisbona un giorno di rivoluzione, tu che hai portato tanta gente nel corso dei secoli... Di quel José che fu falegname e fabbro, di quel José che, manovale intellettuale, anche lui, rivoluzionò la punteggiatura dei romanzi... José che ci insegnò gli eteronimi, José, l'ultimo evangelista e senza dubbio il più vero.

Eccome che me ne ricordo... Era un tempo irragionevole, i carri armati si fermavano ai semafori rossi, i fiori spuntavano dai fucili, il popolo era in festa e i soldati pacifisti. Un gran momento, credimi. E lui, l'evangelista, era come tutti gli altri: felice. Mi ricordo anche che hai scritto una canzone, e le hai dato il titolo di un suo romanzo, "L'assedio di Lisbona". Mi ricordo...

Ebbene, José l'evangelista ci ha appena lasciati. Non scriverà più.

Cosa? Come? Quando? Proprio adesso, oggi... che terrore mi prende d'un tratto... Sto tremando, sono completamente sconvolto.

Ah, Lucien, il mio amico asino, riprenditi, per quanto triste la cosa era inevitabile, come lo sarà per noi. Il gioco delle ombre è finito, il filosofo ha lasciato la caverna. La morte, vecchia compagna, eroina d'uno dei suoi ultimi romanzi non gli ha indirizzato nessuna lettera di colore viola, è venuta direttamente a parlargli d'amore. Gli ha detto, come allo Zio Archibald di Georges Brassens: « È da tanto tempo che ti amo, e il nostro bello sposalizio era previsto fin dal giorno che ti han battezzato. Se ti stendi fra le mie braccia allora la vita ti sembrerà più facile, sarai fuori della portata dei cani, dei lupi, degli uomini e degli imbecilli.». È tutto quello che gli auguriamo.

Così parlarono Marco Valdo M.I. e Lucien Lane.
Traduzione di Lorenzo Masetti
PROPOS DU VIEUX DU RESTELO À L'ASTRONAUTE

Ici sur la terre la faim continue
La misère, le deuil et encore la faim
On allume des cigarettes aux flammes du napalm
Et on dit amour sans trop savoir ce que c'est.
Nous avons fait de toi une démonstration de richesse
Ou peut-être de pauvreté, et puis encore de faim
Et nous avons trouvé en toi réponse à je ne sais quel désir
De plus élevé que nous, de meilleur, de plus pur.

Dans le journal, de nos yeux tendus nous lisons
Des merveilles d'espace et de vertige.
D'océans salés qui entourent
Des îles mortes où dit-on il ne pleut pas.
Mais la terre, astronaute, est une bonne table
(Et les bombes au napalm sont des gadgets)
Où en jouant, seule mange la faim
Seule la faim, astronaute, seule la faim.

inviata da Marco Valdo M.I. - 18/6/2010 - 21:46


Morto José Saramago
da Repubblica on line

Addio a José Saramago poeta, visionario ed "eretico"

Lo scrittore portoghese, premio Nobel nel 1998, aveva 87 anni. Ha avuto un malore nella sua casa di Lanzarote. I capolavori, da Memoriale del Convento a Cecità. Gli ultimi anni segnati dalle polemiche con la Chiesa fino alla rottura con "Caino"
di OMERO CIAI

Se n'è andato ad 87 anni il primo e unico Premio Nobel per la Letteratura in lingua portoghese. José Saramago è morto oggi, poco dopo le 13, nella sua casa di Tiàs, a Lanzarote (una delle Isole Canarie), dove risiedeva dal 1991 insieme alla moglie, Pilar del Rio, e alla fedelissima segreteria Pepa. Nato nel 1922 ad Azinhaga, un piccolo villaggio a nord di Lisbona, ottenne il Nobel per la letteratura nel 1998 dopo una esistenza segnata a lungo dalla provvisorietà e dalla povertà. La sua famiglia di braccianti agricoli si trasferì nella capitale dove suo padre ottenne un posto come agente di polizia. Per le difficoltà economiche della famiglia e la morte improvvisa del fratello maggiore dovette lasciare gli studi e cercare lavoro prima come fabbro e poi come meccanico. Riuscì a pubblicare il primo racconto, "Terra del Peccato", nel 1947. Ma lo scarso successo lo costrinse a fare altri lavori (impiegato in una agenzia di assicurazioni, tecnico amministrativo in una casa editrice), finché non divenne giornalista al "Diario de Lisboa". Dopo alcuni libri di poesia raggiunge una certa notorietà a metà degli anni Settanta, quando la "Rivoluzione dei garofani" portò via la dittatura militare, con la pubblicazione del "Manuale di pittura e calligafia", cui seguiranno due dei suoi romanzi più famosi: "Una terra chiamata Alentejo" nel 1980 e "Memoriale del convento" nel 1982. Due anni dopo la consacrazione con "L'anno della morte di Ricardo Reis" e, più tardi, con la "Storia dell'assedio di Lisbona" che esce nel 1989.

Ateo, comunista (si iscrisse al Pcp clandestino durante la dittatura di Salazar), ruppe con il governo del suo paese nel 1991 quando pubblicò "Il Vangelo secondo Gesù", un romanzo eterodosso sul Messia che scatenò una gran polemica. Il Portogallo rifiutò di presentare il libro in un premio letterario europeo e Saramago, infuriato, lasciò Lisbona per trasferirsi con la sua seconda moglie (e traduttrice), Pilar, alle Canarie.

Le sue opere hanno spesso provocato vivaci polemiche. E' stato accusato di antisemitismo e l'anno scorso con la sua ultima opera, "Caino", è tornato a scontrarsi con la Chiesa cattolica portoghese. Dello stesso periodo lo scontro con la sua casa editrice italiana, Einaudi, che rifiutò di pubblicare un libro, tratto soprattutto dal suo blog, perché molto critico con il primo ministro Berlusconi. Con "Cecità", del 1995, il racconto di una epidemia che fa diventare ciechi tutti gli abitanti di una città, si apre la sua ultima tappa di scrittore. E' quella più critica sulla società di massa, la globalizzazione, il consumo e lo stesso funzionamento del sistema democratico europeo. Nel suo ultimo blog, pubblicato stamattina, Saramago scrive: "Penso che la società di oggi abbia bisogno di filosofia. Filosofia come spazio, luogo, metodo di riflessione, che può anche non avere un obiettivo concreto, come la scienza, che avanza per raggiungere nuovi obiettivi. Ci manca riflessione, abbiamo bisogno del lavoro di pensare, e mi sembra che, senza idee, non andiamo da nessuna parte".

daniela -k.d.- - 18/6/2010 - 17:00


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org