Language   

La Rusén

Mè, Pék e Barba
Language: Italian (Emiliano Parmigiano)

List of versions


Related Songs

Alla faccia del padrone
(Mè, Pék e Barba)
La città nera
(Mè, Pék e Barba)


[2009]
Album :La Rosa e l'Urtiga
rosa urtiga

Durante la seconda guerra mondiale, un'anziana signora di Stagno di Roccabianca (PR), chiamata Rusèn, ogni sera accendeva tutte le luci di casa, mettendo così in allarme il paese intero terrorizzato all'idea di essere bombardato da "Pippo" l'aviazione americana. Si narra che una volta il paese fu bombardato a causa della Rusén e delle sue luci accese. Noi vogliamo pensare che la sua follia fosse in realtà un modo per protestare contro l'assurdità della guerra e di tutte le guerre.
La Rusen la ga un caval e un bicer ad cristal
al so cor le un mas d’urtighi am son fura’ par catal

un scusal ricava’ in dal negar ad na stofa ad na bandera
un per ad scarpi busi in ponta e con al fnestri in dla dintera

ieran ani dur l’era al temp ad la guera
par magnar misde e sera ghera pan e fumera

Rusen smorsa la lusa che la sera le bele rivada
senta al ciel cal fescia la guera natra giurnada le bele pasada

Rusen smorsa la lusa smorsa cal vusi cat ghe in dal sarvel
sentat mia sunar l’alarmi cascan so al bombi dal ciel


lasia Rusen lasia sta i polan mia capir chi sia
ien lur che la guera iglan in testa beva un bicer e po cora via

cora tra’l piopi cora in dal lanchi peia cli lusi cat can in dal ca
ian mia capì che la to lus le contra la guera le contra gli spar

se smursadi li lus se smursadi li vus senta che pace ca ghe in dal ciel
le na pace fenta e le mia contenta però la genta le puse’ surda che te


Rusen smorsa la lusa che la sera le bele rivada
senta al ciel cal fescia la guera natra giurnada le bele pasada

Rusen smorsa la lusa smorsa cal vusi cat ghe in dal sarvel
sentat mia sunar l’alarmi cascan so al bombi dal ciel

Contributed by Davide Tonna - 2012/3/13 - 09:08



Language: Italian

Traduzione dal dialetto parmense di Roccabianca all'italiano
LA RUSEN

La Rusén ha un cavallo e un bicchiere di cristallo
il suo cuore è un mazzo di ortiche, mi sono forato per trovarlo

un canovaccio ricavato da un pezzo di bandiera
un paio di scarpe buche in punta e con le finestre nella dentiera

erano anni duri, al tempo della guerra
da mangiare a pranzo e cena c'erano pane e nebbia

RIT.:
Rusén spegni le luci che la sera è arrivata
senti nel cielo fischia la guerra un'altra giornata è già passata

Rusén spegni le luci spegni spegni le voci che hai nel cervello
non senti suonare l'allarme cascano le bombe dal cielo


Lascia Rusén lascia stare non possono capire chi sei
loro che la guerra ce l'hanno nella testa, bevi un bicchiere e poi corri via

corri fra i pioppi corri nelle lanche e accendi tutte le luci che trovi in casa
non hanno capito che le tue luci sono contro la guerra e contro gli spari

se spegnete le luci, se spegnete le voci, senti che pace che c'è nel cielo,
è una pace finta e lei non è contenta però la gente è più sorda di te

Contributed by Davide Tonna - 2012/3/13 - 09:16



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org