Language   

The Orders From the Dead

Diamanda Galás
Language: English

List of versions



Testo e musica di Diamanda Galás
Lyrics and music by Diamanda Galás
Album: Defixiones Will and Testament

defNYC2


Defixiones refers to the warnings engraved in lead which were placed on the graves of the dead in Greece and Asia Minor. They cautioned against moving or desecrating the corpses under threat of extreme harm.

Will and Testament refers to the last wishes of the dead who have been taken to their graves under unnatural circumstances.

The concert material that Galás has included in this song cycle includes music set to the texts of the Armenian poet/soldier Siamanto; the Belgian/French poet Henri Michaux; the Syrian/Lebanese poet Adonis; the rembetika songs of Sotiria Bellou; the Anatolian Greek Amanedhes; the blues music of the American musicians Boise Sturdevant and Blind Lemon Jefferson, and the sacred songs of the Deep South. A new addition to the song cycle is a striking piece written by Galás called "The World Has Gone Up In Flames", which premiered at Royce Hall (UCLA) November 2001. Galás warns that, even in death, those that were chosen to die have not been defeated nor are they forgotten. "My death is written in a rock that cannot be broken."

Defixiones, Will and Testament is dedicated to the forgotten and erased of the Armenian, Assyrian, and Anatolian Greek genocides which occurred between 1914 and 1923.

Defixiones si riferisce alle placche in piombo che erano sistemate sulle tombe dei morti in Grecia e in Asia Minore. Avvertivano di non spostare o profanare le salme, con la minaccia di conseguenze assai sgradevoli.

Will and Testament si riferisce alle ultime volontà dei defunti, che erano finiti nella tomba per circostanze non naturali.

Il materiale concertuale che Diamanda Galás ha inserito in questo ciclo di canzoni comprende testi del poeta militante armeno Siamanto, del poeta belga di lingua francese Henri Michaux, del poeta assiro libanese Adonis, le canzoni rebetika di Sotiria Bellou e del greco anatolico Amanedhes, i blues dei musicisti americani Boise Sturdevant e Blind Lemon Jefferson, e le canzoni sacre del Profondo Sud. Un'ulteriore aggiunta al ciclo di canzoni è rappresentata da un impressionante brano scritto dalla Galás stessa, intitolato The World Has Gone Up In Flames, eseguito per la prima volta alla Royce Hall dell'UCLA nel novembre 2001. Diamanda Galás avverte che, persino nella morte, coloro che vi erano stati costretti non sono stati né sconfitti, né dimenticati. “La mia morte è scritta su una roccia che non può essere spezzata”.

Defixiones, Will and Testament è dedicato alle vittime, dimenticate e cancellate, dei genocidi armeno, assiro e greco-anatolico che ebbero luogo tra il 1914 e il 1923.



DEFIXIONES WILL AND TESTAMENT


defixiones


At the center of "Defixiones, Will and Testament" lies the Armenian, Anatolian, Hellenic, and Greek genocide which took place, for the most part, under the cloak of the First World War (1914-1917). The Ottoman Empire, now the Republic of Turkey, used various means of destruction to enact an ethnic cleansing policy. The goal was not to simply kill, but to erase all cultural evidence of these people's existance.

"Defixiones Will and Testament" è incentrato sul genocidio armeno, anatolico e greco che ebbe luogo, per la maggior parte, con il pretesto della Prima guerra mondiale (1914-1917). L'Impero Ottomano, ora Repubblica Turca, usò vari mezzi di distruzione per mettere in pratica una politica di pulizia etnica. Lo scopo non era soltanto quello di uccidere, ma di cancellare ogni traccia culturale dell'esistenza di questi popoli.

"Defixiones, Will and Testament" se centre sur le génocide armenien, anatolique et grec qui a eu lieu, pour la plupart, sous le prétexte de la Première guerre mondiale (1914-1917). L'Empire Ottoman, à présent République de Turquie, a employé de nombreux moyens de destruction pour mettre en acte une politique de nettoyage éthnique. Le but n'était pas seulement de tuer, mais d'effacer et anéantir toute trace de l'existence même de ces peuples.


DISC A
THE DANCE:

1. The Dance [Պարը] - Ter Vogormia [Տէր Ողորմյա]
2. The Desert [الصحراء] Part I
3. The Desert [الصحراء] Part II
4. Sevda zinciri
5. Holokaftoma [Ολοκαύτωμα; Holocaust, Olocausto]
6. Ter Vogormia [Տէր Ողորմյա] (reprise)
7. The Eagle Of Tkhuma [ݎܸܫܒ݅ܐ ܒܼܬܚܗܼܡܹܐ]
8. The Orders From the Dead

DISC B
SONGS OF EXILE:

1. Hastayım yaşıyorum
2. Σαν πεθάνω στο καράβι
3. Je rame
4. Epístola a los transeúntes
5. Birds Of Death
6. Άνοιξε, άνοιξε
7. Todesfuge
8. Artémis
9. See That My Grave Is Kept Clean

THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES
THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES
THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES
THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES

But these flames are NOT new
To OUR dead
OUR dead did cry their final prayer in those flames
Our dead did sing their last lullaby in those flames
Our dead prayed to our infidelite Gd in those flames
Our dead whispered a last goodbye to their mother
IN THOSE FLAMES

THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES

OUR dead clawed their children close in
THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES

OUR dead watched their daughters
16 times
RAPED AND BEATEN
in the still-burning of THOSE FLAMES

OUR dead watched an ax remove their
mother’s skull
and crown a wooden spit
in the continuous burning of THOSE FLAMES

OUR DEAD watched while Chrysotomos'
eyes and tongue were pulled out,
teeth and fingers broken, one by one,
in the laughing and the cheering
OF THOSE FLAMES

OUR DEAD watched their sisters drenched with gasoline
and scream with melting skin
“THE WORLD IS GOING UP IN FLAMES”

OUR DEAD gave birth to Turkish victories
the gurgling and then dying trophy.
on a bayonet which marked the borders of
THE WORLD WHICH IS GOING UP IN FLAMES

OUR DEAD WERE DRAGGED IN MARCHES
THROUGH THE DESERT SUN
FOR WEEKS UNTIL THE SUN BURNED OUT THEIR LUNGS

and when the desert sun which was burning them like flames
ripped apart their lips, we heard the final prayer
LORD GOD HAVE MERCY LORD UPON OUR SOULS!

They saw the WORLD IS GOING UP IN FLAMES
buried, not yet dead inside the pits
engraved:

“GIAOURI, INFIDELI:
OUR GOD HAS CHOSEN YOU TO DIE”

And now the unblessed dead have ordered us to say:

THIS is my GRAVE, MY HOLY BED
YOU CANNOT take it

YOU can NOT ERASE MY NAME
YOU can NOT ERASE OUR DEAD

YOU CANNOT ERASE THE DEAD
Because we have been ordered now
to list their names, their numbers,

to give their date of birth, their earthly city,
their father’s name, the sweetness
of their mother’s eyes

GOODBYE

GOODBYE

GOODBYE
and forevermore
We’ll see you when the desert meets the sky
But do not FORGET MY NAME

And so these were the orders from the dead
said without a word but with a final glance:
the

SECOND

granted to the Infidel

since an Infidelite Hell
should NOT require a prayer
should NOT require a silent moment

And now the Infidel is told
to forgive and to forget
to understand :

Advance into a paradise of Dead Memories,
of Living Death, the Old Folks Home
of Catatonia
of Madness
and Despair.

“Do not ask me for the NUMBER of that Grave:
It has been stolen.”

“What IS this love for bones and dirt?
Put this ancient thing behind you, Infidelite
You HAVE no claim to GOD
You HAVE no claim to PEACE
YOu HAVE no claim to JOY

YOU HAVE NO CLAIM

YOU HAVE NO CLAIM

YOU HAVE NO CLAIM

GIAVOURI!!!!

Remember just how lucky, sperm of Satan,
that you are:
to even BE
alive.

NOW!

HERE!

ACROSS THE SEA!

GIAVOUR!

You HAVE no God.

A man without a God
Can NOT be burned ALIVE
He never WAS alive,

not as a MAN, giavour,
but as a DOG.”

[PAUSE]

BUT I HAVE orders from the Dead
that warn me:

“DO NOT FORGET ME:
My blood will fill the air you breathe
FOREVER.”

“MY DEATHBIRD is Not DEAD

HE CARRIES ALL MY TEETH:

MY SMILE OF UNFORGETFULNESS,

MY LAUGH!

VRYKOLAKA!

I am the man unburied
who CANNOT sleep
IN FORTY PIECES!!!!!

I am the girl,
dismembered
and unblessed,

I am the open mouth
that drags your flesh
and will never rest

until

MY DEATH IS WRITTEN
IN A ROCK THAT CAN
NOT BE
BROKEN!”

And these are the orders
from The Dead.

Contributed by DonQuijote82 - 2011/10/15 - 16:56



Language: Italian

Versione integrale di Riccardo Venturi
8-11 novembre 2011

Si vedano le Note alla traduzione.
GLI ORDINI DEI MORTI

IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME
IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME
IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME
IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME

Ma queste fiamme NON sono nuove
Per i NOSTRI morti
Le NOSTRE città morte urlano la loro estrema preghiera in quelle fiamme
I nostri morti hanno cantato la loro ultima ninnananna in quelle fiamme
I nostri morti hanno pregato il nostro dio infedelita *1 in quelle fiamme
I nostri morti hanno sussurrato un ultimo addio alle madri
IN QUELLE FIAMME

IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME

I NOSTRI morti si sono aggrappati stretti ai loro figli
IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME

I NOSTRI morti hanno visto le loro figlie
sedici volte
STUPRATE E PICCHIATE
nel fuoco continuo di QUELLE FIAMME

I NOSTRI morti hanno visto una scure
staccare il cranio alla loro madre
e infilzarlo su un'asta di legno
nel fuoco continuo di QUELLE FIAMME

I NOSTRI morti hanno guardato strappare
gli occhi e la lingua a Crisotomo,
spezzargli i denti e le dita, una ad una
nelle risate e nei festeggiamenti
DI QUELLE FIAMME

I NOSTRI MORTI hanno visto inzuppare le loro sorelle di benzina,
le hanno viste gridare mentre la pelle si fondeva
“IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME”

I NOSTRI MORTI hanno creato le vittorie dei turchi,
il trofeo rantolante e poi morente
su una baionetta che segnava i confini del
MONDO CHE STA ANDANDO IN FIAMME

I NOSTRI MORTI SONO STATI TRASCINATI IN MARCE
ATTRAVERSO IL DESERTO INFUOCATO DAL SOLE
PER SETTIMANE FINCHÉ IL SOLE NON HA BRUCIATO LORO I POLMONI

e quando il sole del deserto, che li stava bruciando come fiamme
ha spaccato le loro labbra, abbiamo udito l'ultima preghiera
OH DIO, SIGNORE, ABBI PIETÀ DELLE NOSTRE ANIME!
Hanno visto che IL MONDO STA ANDANDO IN FIAMME
seppelliti nelle fosse non ancora morti
con sopra inciso:

“GIAURRI *2, INFEDELI:
IL NOSTRO DIO HA VOLUTO CHE MORISTE”

E ora gli sventurati morti ci hanno ordinato di dire:

QUESTA è la mia TOMBA, IL MIO SANTO LETTO
NON POTETE prenderlo

NON potete CANCELLARE IL MIO NOME
NON potete CANCELLARE I NOSTRI MORTI

NON POTETE CANCELLARE I MORTI
Perché ora ci è stato ordinato
di elencare i loro nomi, i numeri,

le date di nascita, le loro città terrene,
il nome dei loro padri, la dolcezza
degli occhi delle loro madri

ADDIO

ADDIO

ADDIO
e per sempre
vi vedremo dove il deserto incontra il cielo
ma NON DIMENTICATE IL MIO NOME

E così questi furono gli ordini dei morti
detti senza una parola, ma con un ultimo sguardo:
il

SECONDO

concesso agli Infedeli

poiché un inferno infedelita
NON deve aver bisogno di una preghiera
NON deve aver bisogno di un momento di silenzio

E ora dicono all'Infedele
di perdonare e dimenticare,
di capire:

Avanzare in un paradiso di Ricordi Morti,
di Morte Vivente, sempre i soliti
della Catatonia,
della Pazzia
e della Disperazione.

“Non chiedetemi il NUMERO di quella Tomba:
è stata rubata.”

“Perché vi piacciono tanto le ossa e lo sporco?
Basta con questa vecchia cosa, Infedelita,
tu NON HAI nessun diritto a DIO
tu NON HAI nessun diritto alla PACE
tu NON HAI nessun diritto alla GIOIA

TU NON HAI NESSUN DIRITTO

TU NON HAI NESSUN DIRITTO

TU NON HAI NESSUN DIRITTO

GIAURRO!

Ricordati, sperma di Satana,
quanto sei fortunato
ad ESSERE persino
vivo.

ORA !

QUI !

OLTRE IL MARE!

GIAURRO!

Tu NON HAI nessun Dio.

Un uomo senza Dio
NON può essere bruciato VIVO,
non È STATO mai vivo.

non come un UOMO, giaurro,
ma come un CANE.” *3

[PAUSA]

MA IO HO degli ordini dai Morti
che mi avvertono:

“NON MI DIMENTICARE:
Il mio sangue riempirà l'aria che respiri
PER SEMPRE.”

“IL MIO UCCELLO DELLA MORTE *4 non è MORTO

SI PORTA VIA TUTTI I MIEI DENTI:

IL MIO SORRISO DI INDIMENTICANZA,

LE MIE RISATE!

VRYKOLAKA! *5

Io sono l'uomo insepolto
che NON PUÒ DORMIRE
IN QUARANTA PEZZI!!!!!

Io sono la ragazza
smembrata
e non benedetta,

Io sono la bocca aperta
che ti tira la carne
e che non riposerà mai

finché

LA MIA MORTE SARÀ SCRITTA
SU UNA ROCCIA CHE
NON PUÒ
ESSERE SPEZZATA!”

E questi sono gli ordini
che vengono dai Morti.
NOTE alla traduzione

[*1] “Infedelita” (Infidelite) è senz'altro un neologismo creato da Diamanda Galás sul modello di “Israelita”, “Mennonita”, “Maronita” eccetera. Abbiamo seguito lo stesso criterio nella traduzione.

[*2] Il termine turco gavur indica, generalmente in senso spregiativo, qualsiasi seguace di una religione non islamica (non soltanto i cristiani, quindi). La traduzione “infedele” è comune, ma l'italianizzazione in giaurro è antica e qui la abbiamo preferita.

[*3] Si ricordi che, presso i Musulmani, il cane è animale altamente immondo. In lingua araba, “cane” (kelb) è un insulto sanguinoso.

[*4] Deathbird è termine gergale che indica “colui che gode crudelmente della morte, del dolore e della disgrazia altrui”.

[*5] Il vrykolakas (βρυκόλακας) è il “vampiro” nel folklore greco. Poiché i vampiri sono attestati originariamente nel folklore dei paesi slavi, non deve stupire che il greco abbia ripreso la parola dal bulgaro върколак (vărkolak) (ugualmente attestate sono le varianti βορβόλακας vorvolakas e βουρδούλακας vurdulakas). Curioso è però che tale termine indicasse originariamente non tanto il “vampiro” quanto il “lupo mannaro”: dal serbo vukodlak, e dal confronto col lituano vilkolakis, si evince che il termine significa alla lettera “colui che ha la pelliccia come quella del lupo”. In rumeno il termine è passato sia nella forma derivata dal bulgaro (vârcolac) sia in quella derivata dal greco (pricolic). Una curiosità: in uno dei primi numeri del fumetto Alan Ford, scritto da Max Bunker e disegnato da Magnus, compare il maldestro “barone Wurdalak”, che è per l'appunto un vampiro (il personaggio, tra l'altro, fu “passato” a Alan Ford da un altro fumetto del duo Magnus-Bunker, Satanik). Il termine è chiaramente derivato da quello qui preso in esame, ma al tempo stesso à anche l'anagramma di “W Drakula”. NB. Nel testo di Diamanda Galás il termine è riportato al caso vocativo.

2011/11/11 - 13:49


Peccato che Wurdalak sia un racconto di vampiri scritto nel 1839 da Aleksej Tolstoj.
(Boris)

Non lo trovo certo un peccato, anche se sinceramente non lo sapevo. Comunque io mi riferivo all'origine etimologica del nome, se vuoi te la posso anche approfondire un po'; se poi Aleksej Tolstoj ha scritto nel 1839 un racconto di vampiri, speriamo soltanto che non gli sia stato succhiato il sangue. Non da un wurdalak, comunque, perché nel folklore di quei paesi tale mostruosa entità non è normalmente associata al succhiare sangue (caratteristica, quest'ultima, degli upir, o upiór -termine da cui deriva il nostro "vampiro"). Comunque mi fermo qui, perché con quel nome che hai non vorrei che stanotte sentissi un "flap flap" e tu mi facessi una visitina. Saluti. [RV]

2011/11/11 - 17:58


Peccato che abbiate omesso le parti in greco della canzone! Sono forse le più intense!

Stormur - 2015/1/13 - 02:05


... e forse si sarebbe anche potuto citare il rifacimento di questa canzone da parte dei Rotting Christ, assieme alla Galàs, da cui mi pare provenga il testo che riportate.

Stormur - 2015/1/13 - 02:07



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org