Lingua   

Lampedusa lo sa

Assalti Frontali




Ti può interessare anche...

Marghera 2 novembre
(Banda Bassotti)
Baghdad 1.9.9.1.
(Assalti Frontali)


[2011]

Album:Profondo Rosso

assaltifrontali profondorosso

pinar«Noi siamo stati a Lampedusa - ci racconta - per un concerto contro i Cie, che sono una vergogna in sé e in cui i migranti, grazie a una legge del governo, possono rimanere rinchiusi, senza aver commesso alcun reato, non più due ma sei mesi. Proprio allora ci fu l'episodio del mercantile turco Pinar che aveva salvato dei migranti dal mare e che venne bloccato da una corvetta militare italiana per quattro giorni. In quell'occasione morì una giovane emigrata incinta. Noi siamo stati al funerale e c'erano tanti lampedusani, gente di grande dignità e umanità, che ben conosce e condivide il dramma dei disperati che approdano sulle coste dell'isola. Anche qui: se i miliardi di euro che si spendono per i Cie, per tenere in gabbia chi arriva sulle coste italiane in cerca di un futuro, venissero spesi per l'accoglienza, non sarebbe meglio per tutti?

Fonte:6antirazzista
Benvenuti i rifugiati,
Benvenuti gli immigrati,
Benvenuti !

Benvenuti gli immigrati,
Benvenuti i rifugiati,
Benvenuti !

Andiamo a Lampedusa

La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
Qual è la sua verita
Qual è la sua dignità

Porta della vita, porta dell'Europa
Lampedusa ad aprile era vuota, solitaria e remota
Noi sull'isola in cento
Come un unico gruppo cantavamo nel vento
La libertà è tutto
E non si deve sapere, non si può raccontare
La dignità è in cammino e oggi viene dal mare
C'è stato un naufragio nel viaggio
Ma non lo diresti
Ci sono gli extracomunitari
E gli extraterrestri
C'era il sole e i gabbiani, c'erano i pescecani
C'eravamo anche noi, migranti e lampedusani
Stessa felpa nera col cappuccio a salutare
Una sorella che era una pantera nera del suo cruccio
23 aprile su quel pontile, da poco ripartito il mercantile
Pinar
Ora so, a Lampedusa è crudele il destino
Qui è un mare bellissimo, ma anche un mare assassino

Ma quanta umanità tra le onde del mar
Oh, Lampedusa lo sa
Quanta verità dalla nave Pinar
Oh, Lampedusa lo sa
Quanta dignità, Lampedusa lo sa
Che frega un cazzo agli italiani da qua

La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
Qual è la sua verità
Qual è la sua dignità

Lampedusa lo sa, si spezza il pane non si lascia annegare,
Non si lascia una barca quattro giorni in mezzo al mare,
Bloccata lì da una corvetta militare
Tredici soldati italianissimi ma senza un cuore per parlare
Mentre tutti e tredici i marinai
Si lanciavano in soccorso e hanno avuto dietro solo guai,
Gettato le scialuppe davanti a onde altissime
La nave Lavinia gli puntava contro un missile
Bloccava tutti i porti, tutti gli imbocchi
Per respingerli in Libia con la paura negli occhi,
Lampedusa lo sa, non è un reato migrare
Stasera sarà un ponte non una barriera esemplare,
Migrano balene e gli uccelli migratori,
Migrano gli esseri umani e io non calmo i miei bollori,
Saliti a bordo, saliti nell'inferno,
Il più assassino di tutti è senza dubbio il governo !

Ma quanta umanità tra le onde del mar
Oh, Lampedusa lo sa
Quanta verità dalla nave Pinar
Oh, Lampedusa lo sa
Quanta dignità, Lampedusa lo sa
Che frega un cazzo agli italiani da qua

La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
La la Lampedusa lo sa
Oh, Lampedusa lo sa
Qual è la sua verità
Qual è la sua dignità

Le nostre braccia aperte come finestre,
Questa canzone la dedichiamo ad Ester,
A un funerale pieno di Digos
Ma anche di fratelli con cui condivido il grido
Perché questo è un mondo assurdo,
Senti sulle coste l' onda d'urto
Puoi capire che mi ci catapulto
E mi suona nella testa come un antifurto,
Quante volte questa porta è stata chiusa
E quante tombe senza nome a Lampedusa
Quante volte questa porta è stata chiusa
E quante tombe senza nome a Lampedusa

Benvenuti i rifugiati,
Benvenuti gli immigrati,
Benvenuti !

Benvenuti gli immigrati,
Benvenuti i rifugiati,
Benvenuti !

Tous les jours qui passent les familles ont de l'espoir
De voir un jour leur rêves se faire réels,
Mais personne ne les informe de cette tragédie noire
Que tous les jours il y a des morts dans le désert,
Hé mais pas de dignité ni de sensibilité
derrière ceux qu'on a fait murer
Lampedusa le sait 
L'occident le sait
La Libye le sait,

Andiamo a Lampedusa
Lampedusa le sait
Lampedusa le sait
L'occident le sait,
La Libye le sait
Et tout le monde le sait

Oh Lampedusa lo sa
Qual è la sua dignità...

inviata da adriana - 6/8/2011 - 17:18




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della parte francese.

Per la traduzione ci si è basati sul testo stabilito da Lucien Lane, sul quale però sussistono ancora incertezze. [RV]
Ogni giorno che passa le famiglie sperano
Di vedere, un giorno, i loro sogni avverarsi,
Ma nessuno li informa di questa tragedia nera,
Che ogni giorno gente muore nel deserto,
Eh, ma non c'è dignità né sensibilità
Dietro a coloro che sono stati rinchiusi
Lampedusa lo sa,
La Libia lo sa
Andiamo a Lampedusa
Lampedusa lo sa
Lampedusa lo sa
L'occidente lo sa,
La Libia lo sa
E tutti lo sanno
Oh Lampedusa lo sa
Qual è la sua dignità...

inviata da Riccardo Venturi - 5/2/2014 - 23:12


Mancava la parte in francese, l'ho trovata qui, non è che qualcuno, Marco Valdo, Lorenzo o Riccardo riesce a capire le 2 parole mancanti?

donquijote82 - 5/2/2014 - 19:12


Finalement – à la demande expresse de mon ami Marco Valdo M.I., qui lui n'y comprend rien, mais il faut vous dire qu'il est un peu dur d'oreille et même, carrément sourd – j'y ai mis mes deux oreilles d'âne et j'ai compris ce que j'ai compris... C'est vous dire que ce n'est vraiment pas clair... Je propose ce que j'ai compris, mais je ne garantis pas que c'est ce qui est dit...

Cordial

Lucien Lane

« tous les jours qui passent les familles ont de l'espoir
de voir un jour leurs rêves se faire réels
mais personne ne les informe de cette tragédie noire
que tous les jours il y a des morts dans le désert 
et même pas de dignité ni de sensibilité
derrière ceux qu'on a fait murer
Lampedusa le sait 
L'Occident le sait
La Libye le sait 
Lampedusa le sait
L'Occident le sait
La Libye le sait 
Et tout le monde le sait
Oh Lampedusa lo sa »

Lucien Lane - 5/2/2014 - 21:42




Lingua: Francese

Version francais da dormirajamais.org
LAMPEDUSA LE SAIT

Bienvenue aux réfugiés
Bienvenue aux immigrés bienvenus !

Bienvenue aux immigrés
Bienvenue aux réfugiés
bienvenue !

(Allons à lampedusa)

la la Lampedusa le sait
la la Lampedusa le sait
Quelle est sa vérité
quelle est sa dignité
Porte de la vie, porte de l’Europe
Lampedusa en avril était vide, solitaire et lointaine
nous sur l’île à cent comme un seul groupe nous chantions dans le vent (la liberté)
Et on ne doit pas savoir on ne peut pas raconter
la dignité est en route et aujourd’hui elle vient de la mer
Il y a eu un naufrage durant le voyage (mais tu n’en dirais rien)
il y a les extracommunautaires (et les extraterrestres)
Il y avait le soleil et les mouettes
il y avait les requins
Et puis il y avait nous, migrants et habitants de Lampedusa
Même sweat-shirt noir à capuche pour saluer une sœur qui était une panthère noir de son tourment
23 avril sur ce quai le cargo reparti depuis peu
maintenant je sais à Lampedusa le destin est cruel
ici la mer est très belle mais aussi mer assassine

Mais combien d’humanité entre les vagues de la mer
combien de vérité dans le navire de là-bas
combien de dignité Lampedusa le sait que les Italiens n’en ont rien à foutre

la la Lampedusa le sait
la la Lampedusa le sait
Quelle est sa vérité
quelle est sa dignité

Lampedusa le sait on partage le pain on ne laisse pas se noyer
on ne laisse pas un bateau 4 jours au milieu de la mer
bloqué là par une corvette militaire
13 soldats très italiens mais sans un cœur pour parler
tandis que les 13 marins se précipitaient pour porter au secours ils n’ont eu ensuite que des ennuis ils ont jeté les chaloupes contre les vagues immenses
le navire Lavigna pointait sur eux un missile
bloquait tous les ports
toutes les entrées pour les repouser en Libye avec la peur dans les yeux
Lampedusa le sait ce n’est pas un délit d’émigrer
ce soir il y aura un pont et non une barrière exemplaire
les baleines migrent et les oiseaux migrateurs
les êtres humains migrent et ça continue de bouillonner en moi
montés à bord montés en enfer
Le plus criminel de tous est bien sûr le gouvernement!

Mais combien d’humanité entre les vagues de la mer
combien de vérité dans le navire de là-bas
combien de dignité Lampedusa le sait que les Italiens n’en ont rien à foutre

la la Lampedusa le sait
la la Lampedusa le sait
Quelle est sa vérité
quelle est sa dignité

Nos bras ouverts comme des fenêtres, cette chanson nous la dédions à Ester
à des funérailles pleines de Digos(1)
mais aussi des frères avec qui je partage mon cri
Parce que ce monde est absurde
tu entends sur les côtes l’onde de choc
tu peux comprendre que je m’y catapulte et qu’elle résonne dans ma tête comme une alarme antivol
Combien de fois cette porte est restée fermée
et combien de tombes sans nom à Lampedusa
Combien de fois cette porte est restée fermée
et combien de tombes sans nom à Lampedusa

Bienvenue aux réfugiés
Bienvenue aux immigrés bienvenus !

Bienvenue aux immigrés
Bienvenue aux réfugiés
bienvenue !

inviata da dq82 - 8/12/2015 - 16:37


A "réels" c'ero arrivato anch'io; alle altre parole ignote c'è voluto Lucien Lane, che il cielo lo benedica. Purtroppo, quando ci son di mezzo parole sparate direttamente su un gorgheggio femminile, la questione si fa davvero ardua anche nella propria lingua materna, figuriamoci in un'altra lingua. Piuttosto, ne ho approfittato per rimettere anche l'intero testo italiano: era un autentico disastro sia per gli errori di ortografia, sia per le inesattezze (una per tutte: la "nave di là" al posto della "nave Pinar", vale a dire il mercantile turco -nominato espressamente anche nell'introduzione- che aveva raccolto i migranti e che venne bloccato dalla corvetta militare italiana). Oppure la nave Lavinia (la corvetta, appunto), che era diventata "Lavigna". Alla luce di quanto avvenuto a Lampedusa lo scorso 3 ottobre, un brano e una pagina che meritano davvero di essere rimessi a nuovo. Ne approfitto per raccomandare un po' più di precisione e di esattezza ortografica a chi trascrive dei testi all'ascolto, oppure a chi riproduce trascrizioni altrui. Saluti.

Riccardo Venturi - 5/2/2014 - 22:23


Pour Lucien Lane

J'ai écouté (pour la treizième fois...) la chanson, spécialement la partie en français, et à mon avis ce n'est pas "...ceux qu'on a fait murer" mais quelque chose comme "...ceux qu'on a fait exhumer". Lucien, tu pourrais s'il te plaît écouter encore la chanson? Pour le moment, je vais mettre una traduction italienne de la partie française sur la base des paroles que tu as établi, mais j'ai des doutes...

Merci!

Riccardo Venturi - 5/2/2014 - 22:54


Italia-Malta: Mare Monstrum
da Umanità Nova, n° 18, 10 maggio 2009, anno 89

Capita che un giorno, giovedi 16 aprile, due barconi di immigrati si trovino in balia delle onde in mezzo al Mediterraneo. È qualcosa che, negli ultimi anni, accade di frequente. Viene lanciato un sos che viene raccolto dalle autorità di Malta perché i barconi si trovano, per l'appunto, in acque di competenza maltese. In quei paraggi c'è un mercantile battente bandiera turca, il Pinar, guidato dal comandante Asik Tuygun, che viene contattato dai maltesi per prestare soccorso agli immigrati. Le condizioni del mare sono pessime, ma l'equipaggio del Pinar riesce nell'impresa. I marinai turchi si buttano in mare per aiutare gli immigrati, vengono lanciate cime, vengono calate scialuppe. Centoquarantaquattro disperati che avevano affrontato il viaggio per lasciarsi alle spalle inferni di fame e guerra come Nigeria, Ghana, Liberia salgono a bordo del mercantile stremati ma felici. Di essere vivi. Tranne Esceth Ekos, che aveva 18 anni ed era incinta. Non ce l'ha fatta. Il suo cadavere è stato osservato mentre veniva sbattuto dai flutti e poi, appena possibile, è stato recuperato dall'equipaggio del Pinar. Pietà umana. Alla radice del nostro essere umani.
La storia potrebbe finire qui se questo fosse un mondo normale. Ma quello in cui viviamo è un mondo infame, dove la spietatezza della ragion di stato raggiunge livelli inconcepibili. Malta ordina al comandante Tuygun di fare rotta verso Lampedusa per scaricarvi gli immigrati perché è il porto più vicino. L'Italia, nella persona del ministro dell'Interno Maroni, si oppone perché le operazioni di soccorso sono state sollecitate dai maltesi: se li prendano loro, quindi, gli immigrati. La Valletta ribatte che Roma avrebbe ragione se solo i maltesi avessero firmato questo accordo che disciplina la normativa in materia. E siccome Malta non ha firmato, non ha nessun obbligo nei riguardi di nessuno. Nemmeno dell'umanità, aggiungiamo noi.
Passano le ore, inesorabili. A bordo del Pinar ci sono trentasette donne (due incinte). Fame, freddo, disidratazione per tutti. I marinai si dannano l'anima per aiutare come possono questa massa di sventurati. Il Pinar rimane bloccato perché Malta e Italia litigano ufficialmente scaricandosi la responsabilità sulla sorte degli immigrati.
Nell'inqualificabile ping pong si aggiunge anche Frattini, ministro degli esteri, che chiama in causa del tutto inutilmente l'Unione europea. Passano i giorni. Nel suo sacco di tela bianca, Esceth Ekos che aveva diciott'anni e aspettava un figlio si gonfia e comincia a puzzare, mentre i gabbiani cercano di tormentarne il corpo esanime. A bordo del Pinar riescono a salire alcuni giornalisti che raccontano l'orrore e denunciano all'opinione pubblica la gigantesca omissione di soccorso di cui si stanno macchiando Malta e l'Italia, due stati sovrani che si azzuffano sulla pelle di quei disperati. La motocorvetta Lavinia della marina militare italiana è sempre lì, con l'ordine di tenere d'occhio il mercantile turco e impedirgli di attraccare a Lampedusa. Fosse stato per loro, non dovevano salire a bordo neanche i giornalisti. Il Viminale invia un paio di dottori per verificare le condizioni dei naufraghi. Lo scandalo è ormai scoppiato, e adesso tutti sanno cosa sta succedendo sul cargo turco. E dire che il leghista Costa, solo poche ore prima, aveva dichiarato che sul Pinar non c'era nessuna emergenza umanitaria. Dopo l'allarmante relazione trasmessa per radio dai medici, il governo italiano dà finalmente il via libera al Pinar per attraccare in Italia, destinazione Porto Empedocle, Sicilia. Il ministro Maroni si affretta a spiegare che la decisione è stata presa solo «in considerazione della dolorosa emergenza umanitaria verificatasi a bordo del mercantile, e non deve in alcun modo essere intesa né come un precedente né quale riconoscimento delle ragioni addotte da Malta nella vicenda». Dall'altra parte, il premier maltese Lawrence Gonzi quasi ci scherza su: «È stato un disguido tra amici, la decisione dell'Italia di accettare gli immigrati è stata buona, visto che la situazione è degenerata in una crisi umanitaria». Gli immigrati in condizioni più gravi vengono portati d'urgenza all'ospedale di Lampedusa. Gli altri vengono via via trasferiti a Porto Empedocle con diversi mezzi militari italiani. Saranno smistati nei vari centri di internamento siciliani.
Per loro l'inferno continua.
Il mercantile Pinar può proseguire il suo viaggio verso il porto tunisino di Sfax.
Asik Tuygun, il comandante, ha dichiarato ai giornali: «Erano tutte brave persone. A bordo per fortuna tutti si sono comportati bene non creandoci problemi anche se li tenevamo sott'occhio 24 ore su 24 per paura che potessero compiere qualche gesto inconsulto per la disperazione». «Il mio armatore è molto arrabbiato perché la sosta forzata della nave gli ha fatto perdere dei soldi. E così ora io rischio di perdere il mio posto di lavoro. Speriamo che non sia così e che l'arrabbiatura del mio boss passi. Ma non mi pento di quello che ho fatto, se dovesse accadere un'altra volta, se dovessi soccorrere gente che sta per affondare, lo rifarei di nuovo, anche a rischio di perdere il lavoro. Quello che mi ha provocato un grande dolore al cuore è stato il fatto che siamo riusciti a salvarli tutti, tranne una, quella povera ragazza che era anche incinta».
Finché ci saranno persone così, sperare è lecito. Finché esisteranno gli stati e le frontiere, sperare non basta.

TAZ laboratorio di comunicazione libertaria

5/2/2014 - 23:01


En fait, comme je ne comprenais pas plus que Marco Valdo M.I., j'ai également réécouté ce passage un grand nombre de fois et j'ai noté ce qui se rapproche le plus de ce que j'entends.
De plus, c'est cohérent avec le fait que les réfugiés qui arrivent à Lampedusa sont enfermés derrière des murs, des grilles, des barreaux, des interdits...

Sauf à contacter directement le groupe musical ou l'auteur du texte, je ne vois pas de solution.

Cordial

Lucien Lane

Lucien Lane - 6/2/2014 - 12:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org