Language   

Gwerz ar mengleuz

Gilles Servat
Language: Breton

List of versions


Related Songs

Gwerz marv Jorj Jackson
(Storlok)
Ki du
(Gilles Servat)
Nel pozu María Luisa [En el pozo María Luisa, o Santa Bárbara bendita]
(Anonymous)


[1977]
Paroles et musique: Gilles Servat
Testo e musica: Gilles Servat
Lyrics and music: Gilles Servat
Album: Chantez la vie, l'amour et la mort

gilsch


Purtroppo non sono riuscito a reperire niente in rete sul disastro minerario di cui si parla in questa canzone di Gilles Servat; ma ho vissuto a lungo in un'antica zona mineraria nel nord della Francia (dove, peraltro, è nato questo sito), e non fatico affatto ad immaginare un episodio del genere nella terra del Germinale. Bretagna o Nord che sia, le compagnie minerarie sono sempre state le stesse, e i minatori hanno sempre morto la stessa morte. La figura del prete proletario che, a modo suo, "convince" la direzione della compagnia a dare alla vedova la pensione intera dopo che gliela aveva rifiutata con un pretesto criminale e ridicolo è plausibile, e sono praticamente certo che Servat non si è inventato nulla, che non è una storia di fantasia. (RV)
Ur gwall zarvoud ur gwall zarvoud
Barzh ar mengleuz ur gwall zarvoud
Dindan ar glaou tud zo chomet
D'ho skoazellan tud all zo aet

Ha krog int da doullan diouzhtu
Da doullan e barzh an toull du
Kamaraded hastit buhan
Aman en eus kavet unan

Kavet unan a vew a boan
Ne lakfe ket gant e alan
Foeennig war ur melezour
Deuit oll deuit d'am sikour

En tenvalijenn e vewe
Ha barz a bignerez iwe
Paz eo er goulou erruet
Ar mengleuzier a zo marwet

Kriz vije 'r galon na ouelje
War an dachenn neb a vije
Welet an dud yaouank ha kozh
O chom didrouz hag o c'hortoz

An intanvez a lavare
E ti'r mengleuz paz errue
Ma gwas zo marwet en toull don
Deuet on ewid ma pansion

Ho kwas ne oa ket en goueled
Med war c'horre paz eo marwet
Pansion a bez n'ho po ket
An hanterenn ne laran ket

Aotrou person aotrou person
An arched se zo un eston
Ema 'baoe kazi ur mis
E barzh chantele an ilis

Poent bras eo deoc'h d'e interrin
N'eo ket mad 'wid ar gompagni
Ne rin ket ma labour person
Ma vez ket roet pansion

Daou dra breinus a zo aman
Ho kalon ha korf an den-man
Paz eo klewed c'hwez an arched
C'hwez hoc'h ene a zo klewed

An intanvez a lavare
E ti 'r mengleus paz errue
Ma gwaz zo marwet en toull don
Deuet on da glask ma pansion

Me ro deo'ch toud ar pansion
Kit buhan larout d'ar person
E c'hell interrin ho pried
An direksion deus pleget.

Contributed by Riccardo Venturi - 2011/6/3 - 11:13




Language: French

Version française d'après cette page
Versione francese da questa pagina
LA COMPLAINTE DE LA MINE

Un accident un accident
Au fond d'la mine un accident
Sous la houille des gens sont restés
Des sauveteurs y sont allés.

Aussitôt qu'ils sont arrivés
Dans le noir se mett'nt à creuser
Camarades hâtez-vous bien
Ici j'en ai découvert un

Découvert un qui vit à peine
Ne ferait avec son haleine
Sur un miroir un peu de buée
Venez tous venez donc m'aider

Dans le noir il n'était pas mort
Dans l'ascenseur vivait encore
Mais quand au jour il arriva
Alors le mineur décéda

Dur le coeur qui n'aurait pleuré
Qui sur la place n'aurait été
En voyant les gens réunis
Qui attendaient sans faire de bruit

Voici ce que la veuve a dit
Dans les bureaux d'la compagnie
Mon homme est décédé au fond
Je suis venue pour ma pension

Votre homme c'est en haut qu'il mourut
Au fond du puits ne s'trouvait plus
Pension entière vous n'aurez pas
Demi pension je ne dis pas

Monsieur l'curé monsieur l'curé
Par ce cercueil suis étonné
Depuis bientôt un mois passé
Dans l'coeur de l'église est resté

Il est temps qu'il soit ensev'li
Ça fait du tort à la compagnie
Je n'f'rai pas mon métier d'curé
Si la pension n'est pas donnée

Deux choses pourries sont ici
Ce corps et votre coeur aussi
Quand l'odeur du cercueil on sent
Celle de votre âme y est dedans

Voici ce que la veuve a dit
Dans les bureaux d'la compagnie
Mon homme est décédé au fond
Je viens pour chercher ma pension

La pension entière vous l'aurez
Allez vite dire au curé
Votre époux il peux l'enterrer
La direction a reculé.

2011/6/3 - 11:34




Language: Italian

Versione italiana di Riccardo Venturi
(dalla versione francese)
3 giugno 2011
LAMENTO DELLA MINIERA

Un incidente, un incidente
in fondo al pozzo un incidente
gente rimasta sotto il carbone,
e sono andati a salvarli.

Non appena sono arrivati
si son messi a scavare al buio,
compagni, sbrigatevi, presto,
qui ne ho scoperto uno

Scoperto uno già mezzo morto,
col il fiato non farebbe
che un po' di vapore su uno specchio,
venite tutti ad aiutarmi

Nelle tenebre non era morto,
nell'ascensore era ancora vivo
ma quando è arrivato sopra alla luce
il minatore è deceduto

Da spezzare il cuore, chi non avrebbe pianto,
e chi non sarebbe stato là sul posto
a vedere la gente riunita
che aspettava senza fare rumore

Ecco quel che ha detto la vedova
negli uffici della Compagnia:
"Mio marito è morto là in fondo,
sono venuta per la pensione."

"Suo marito è morto già sopra,
non era più in fondo al pozzo.
La pensione intera lei non la avrà,
dico, ne avrà forse la metà."

"Signor curato, signor curato,
io mi stupisco di questa bara.
Da quasi un mese passato
è rimasta dentro la chiesa.

E' tempo che sia seppellito,
la Compagnia se ne sta dispiacendo."
"Io non farò il mio mestiere di prete
se non le date la pensione.

Ci sono, qui, due cose marce:
questa salma e il vostro cuore.
E quando si sente il puzzo dalla bara,
c'è dentro anche la vostra anima."

Ecco quel che la vedova ha detto
negli uffici della Compagnia:
"Mio marito è morto là in fondo,
vengo a prendere la pensione."

"Lei avrà la pensione intera,
presto, lo vada a dire al curato;
suo marito può seppellirlo,
la direzione ha fatto marcia indietro."

2011/6/3 - 11:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org