Language   

Vittoriu Emanueli

Mario Incudine
Language: Sicilian



[2011]

Autori: L.Maio e M. Incudine - i testi sono comunque un collage di diversi canti tradizionali fra cui "La Leva" , "Vinni cu vinni e c'è lu triculùri" e "Guvernu 'talïanu ti ringraziu"


Album: Beddu Garibbardi

1300035372 copertina cd beddu garibbardi




"Beddu Garibbardi – Quando i siciliani non erano ancora italiani", il nuovo progetto musicale di Mario Incudine è l'unico CD prodotto in Italia sull'epopea garibaldina.. Un lavoro storico che ha come scopo quello di raccontare l'arrivo dei Mille e l'Unità d'Italia dal punto di vista dei siciliani che vissero quella esperienza a principio seguendo l'onda dell'entusiasmo; e subito dopo manifestando grandissima delusione... Nel realizzare il progetto Incudine ha scelto di indossare una lente bifocale che mette in luce sia l'esaltazione di Garibaldi (visto prima come "l'Arcangelo Gabriele" e "Gesù Cristo" in persona), sia le grida di disperazione dei contadini ai quali il nuovo re, Vittorio Emanuele II, strappa i giovani dalle campagne per condurli alla leva militare di ben sette anni nella nuova capitale a Torino, oppure le lagnanze dei nostri nonni che improvvisamente si videro derubati della loro moneta sonante, d'oro e d'argento, sostituita da quella di carta del nuovo regno, "ca nun fa scrusciu" (non vale nulla). Nessun revisionismo storico, ma un racconto alla maniera dei cantastorie, utilizzando gli stilemi della poesia e della musica popolare per raccontare da un lato l’euforia per l’arrivo del Generale: una sete di libertà che aveva infiammato il popolo siciliano portandolo a insorgere contro i Borboni.. E dall’altro lo straziante racconto della Sicilia dopo l’unificazione... dalla strage di Bronte al brigantaggio, sull’onda della questione meridionale. Un modo per celebrare i 150 anni di Unità nazionale ricordando chi è morto per questo ideale di patria e per riportare alla luce le figure eroiche, tralasciate dalla storia ufficiale, che hanno combattuto per la libertà, da Peppa Cannunera, eroina catanese che combattè i Borboni a colpi di cannone, ai contadini che scelsero di aiutare Garibaldi nella conquista delle città...
Fra le disillusioni e repressioni che poi seguirono, prima fra tutte, i "piemuntísi" c’imposero la leva militare obbligatoria di 7 anni, che significava per il nostro popolo fame e miseria, con gli uomini e i figli migliori lontani a combattere e a morire per il nuovo re; da qui nacquero il brigantaggio, lo stato d’assedio e le altre stragi..
"Sintiti, sintiti!
Ascutati, ascutati!
Ora ca vinni lu misi di maggio, vannu dicennu ca la leva è vera!
Giuvini e picciotti a Turinu vi n'a'ti a ghiri
e n'autri sitt'anni ci vonnu pi turnari..
Vulemu a Garibbardi? Ma senza la leva!
E s'iđđu metti la leva canciamu la bannèra!"

[Coro:]
Vittoriu Emanueli chi facisti? La megghiu giuventù ti la pigghiàsti
– Ti la purtasti luntanu đđa a Turinu
Vittoriu Emanueli, l'assassinu!
Vittoriu Emanueli, l'assassinu!

A Turinu n'aspetta lu suvranu
facemu li sett'anni e poi vinemu
quantu è cchiù tintu si nni maritàmu
cu 'na magghia a li peri sempri semu..

Ah quanta petri ci vonnu a fari un ponti,
quanta peni si pati pi 'n'amanti
Vittoriu Emanueli, chi facisti?
La megghiu giuventù ti la pigghiàsti..

[Coro:]
Vittoriu Emanueli chi facisti? La megghiu giuventù ti la pigghiàsti
– Ti la purtasti luntanu đđa a Turinu
Vittoriu Emanueli, l’assassinu!
Vittoriu Emanueli, l’assassinu!

Ah l'amaru ju ca nun era 'mparatu..
prima era monacu, e ora surdàtu..
Prima era monacu di lu cummentu,
ora, surdàtu di lu reggimentu..
prima era monacu e astutàva cannili
ora surdàtu.. e portu lu fucili..
Basta! Lassamu jiri, jemu avanti
ca ni stamu 'mrugghiannu veramenti
l'occhi su chini e la panza vacanti
e cu lli manu munnamu li denti
Stamu arristannu comu l'armi santi
nuri 'mmenzu a lu focu e penitenti
e c'è di luntanu cu nni fa la cucca
ca cogghi tutti 'i cosi e si l'ammucca!

Picciotti di Ribera c'a'mu 'a diri?
E cu 'sta liggi chi cosa avemu 'a fari?
Tutti surdati nni nn'avemu 'a ghiri,
li schettuliđđi suli a'mu 'a lassàri?
Iđđi d'appressu nni vonnu vinìri,
l'amuri nostru 'un sî ponnu scurdari
o ti lu dicu o ti lu mannu a diri
n'autri sett'anni ci vonnu pi turnari,
e ti lu dicu e ti lu mannu a diri,
n'autri sett'anni ci vonnu pi turnari..

[Coro:]
Vittoriu Emanueli chi facisti? L'amanti che era miu ti lu pigghiàsti –
Ti lu purtasti đđa 'n capu a Turinu
Vittoriu Emanueli, l'assassinu!
Vittoriu Emanueli, l'assassinu!
[x2]

Contributed by giorgio - 2011/5/8 - 16:28



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org