Lingua   

E sono morto giovane

Leonardo Licheri
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

I lastrici arsi dei venti di luglio
(Leonardo Licheri)
Cadono le bombe
(Leonardo Licheri)
Ecco la notte quella che comincia
(Leonardo Licheri)


Avvicinandosi il decimo anniversario dei fatti di Genova, ho scritto un ricordo di Carlo Giuliani, esemplato su - e da cantarsi sull’aria di - un canto dell’emigrazione della fine dell’Ottocento: Son maritata giovane.
E sono morto giovane
l’età di venti anni
quello che mi ha ucciso
l’era carabinier
l’era carabinier

e son rimasto a terra
con una pena al cuore
era per la mia mamma
poterla riveder
poterla riveder

e sento quelli che chiamano
ma non so più il mio nome
tutti i momenti che passano
mi sento di morir
mi sento di morir

e devo andare a Genova
Genova libertà
Genova Genova Genova
Genova libertà
Genova libertà

inviata da Leonardo Licheri - 4/4/2011 - 18:10


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org