Lingua   

Genova, 21 luglio 2001

RdBand
Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Ti può interessare anche...

Reggae per Carlo Giuliani
(Carmelo Albanese)
Il mio nome è Carlo
(Malasuerte Fi*sud)
Terra e pane
(RdBand)

genova pestaggi
Genova - G8

Batteria: Riccardo Bizzarri
Basso: Alessio Rinaldi
Tastiere: Federico Marini
Chitarre: Giovanni "Joe" Passacantilli
Voce: Luigi Romagnoli

La copertina del primo album della RdBand
La copertina del primo album della RdBand

Sangue, sangue di Bacco
Sangue, sangue di Bacco

Il governo ha promulgato
un programma educativo
per i giovani ribelli
per chi protesta e fa il cattivo
è un programma in cinque punti
cinque punti di sutura
te li danno al San Martino
te li assegna la questura
Perché a Genova il governo
ha messo in campo la sua cultura
quella fascista del manganello
quella violenta della tortura

Sangue, sangue di Bacco
Sangue, sangue di Bacco

Per difendere i potenti
riuniti a colazione
a contendersi la torta
della globalizzazione
han chiamato la P.S.
la G.d.F. e i CC.
e gli han detto "rompetegli il culo,
a quei quattro straccioni lì"
Perché a Genova il governo
ha messo in campo la sua cultura
quella fascista del manganello
quella violenta della tortura

Alla scuola Diaz t’insegnano la vita
picchiandoti a sangue finché non l’hai capita
è un metodo antico
studiato al Viminale
è solo per il tuo bene
anche se fa un poco male
impara in fretta e non ti pentirai
ché se studi ti trasferirai

Alla scuola superiore di tortura a Bolzaneto
Dove ti sveleranno anche il più piccolo segreto
Dieci ore contro un muro
Gambe larghe e sguardo in terra
Lo chiamano ordine pubblico
Ma è come stare in guerra
Poi ti dicono "l’ho fatto per dovere"
Ma glielo leggi in faccia
Che gli fa anche piacere
Sangue, sangue di Bacco
Sangue, sangue di Bacco
Sangue, sangue di Bacco
Sangue, sangue, sangue, sangue mio

Ma il dovere per me non è
fare il cane da guardia
per difendere gli interessi
di chi ha in mano il potere
Il dovere per me vuol dire
tirar fuori la rabbia
contro tutte le ingiustizie
per chi non può parlare

Per questo siamo qui
su questa piazza colorata
di scritte, di maglie, di voci,
di storie e di canti
lanciati in alto nell’aria.

inviata da Riccardo Venturi - 16/3/2006 - 15:28

Aggiungi...

 Nuova versione o traduzione   Commento   Segnala indirizzo per scaricare la canzone 

Pagina principale CCG
L'archivio Chi siamo Novità Guestbook Links

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org