Language   

The Long Black Veil

Johnny Cash
Language: English

List of versions


Related Songs

Partito da Milano senza un soldo
(Anonymous)
Starkville City Jail
(Johnny Cash)
Redemption Song
(Bob Marley)


[1959]
Scritta da Danny Dill e Marijohn Wilkin.
La canzone fu portata al successo quell’anno stesso dal country singer Lefty Frizzell, ma le due cover più celebri del brano sono di Johnny Cash nel concerto alla Folsom State Prison (1968) e di Sammi Smith (1974)

The Long Black Veil


Storia d’amore, d’onore e di ordinaria ingiustizia.
Un uomo viene giustiziato per un delitto che non ha commesso, ma non difende la propria innocenza perché quella maledetta sera era tra le braccia della moglie del suo miglior amico…
Lei continuerà a visitare la sua tomba avvolta in un lungo velo nero…
Ten years ago on a cold dark night,
someone was killed 'neath the town hall lights.
There were few at the scene, but they all agreed,
that the man who ran looked a lot like me.

She walks these hills, in a long black veil.
She visits my grave, when the night winds wail.
Nobody knows, nobody sees,
nobody knows, but me

The Judge said son, what is your alibi,
if you were somewhere else, then you won't have to die.
I spoke not a word, though it meant my life,
for i'd been in the arms of my best friends wife.

She walks these hills, in a long black veil.
She visits my grave, when the night winds wail.
Nobody knows, nobody sees,
nobody knows, but me

Now the scaffold is high, and eternity's near.
She stood in the crowd, and shed not a tear.
But some times at night, when the cold wind moans
In a long black veil, she cries over my bones

She walks these hills, in a long black veil.
When the cold winds blow, and the night winds wail.
Nobody knows, no body sees.
Nobody knows, but me.

Contributed by Bartolomeo Pestalozzi - 2010/8/23 - 11:40



Language: Italian

Versione italiana di Alberto Truffi da Musica e Memoria (leggermente rivista)
IL LUNGO VELO NERO

Dieci anni fa, in una notte fredda e scura
Qualcuno è stato ucciso sotto il lampione del municipio
In pochi assistettero alla scena, ma furono tutti d’accordo
che l’uomo che scappava assomigliava molto a me

Lei cammina per queste colline vestita di un lungo velo nero
Lei fa visita alla mia tomba quando geme il vento della notte
Nessuno sa, no, e nessuno vede
Nessuno, tranne me

Il giudice disse “Figliolo, qual è il tuo alibi?"
“Se eri da qualche altra parte, non dovrai andare a morte”
Non dissi una parola, sebbene questo significasse la mia vita
perché ero stato tra le braccia della moglie del mio migliore amico

Lei cammina per queste colline vestita di un lungo velo nero
Lei fa visita alla mia tomba quando geme il vento della notte
Nessuno sa, no, e nessuno vede
Nessuno, tranne me

Il patibolo è alto e la eternità è vicina
Lei assistette tra la folla e non versò una lacrima
Ma qualche volta la notte, dove il vento freddo sembra un lamento
Vestita di un lungo velo nero, lei piange sulle mie ossa

Lei cammina per queste colline vestita di un lungo velo nero
Lei fa visita alla mia tomba quando geme il vento della notte
Nessuno sa, no, e nessuno vede
Nessuno, tranne me.

2010/9/8 - 22:40


Grazie tante, impeccabile.

Anon01 - 2017/3/8 - 17:58



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org