Lingua   

Primavera di Paga

Riccardo Scocciante
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'amiral Boum
(Marco Valdo M.I.)
Amerigo
(Francesco Guccini)
Primavera di Praga
(Francesco Guccini)


A dire il vero non siamo in primavera, ma già in estate; ma per questo signore e questa signora qua sotto, è sempre primavera. Germogliano come piante velenose sulle vite dei lavoratori.

markionnemarceg



Se n'è accorto bene il nostro Riccardo Scocciante, dopo un lungo e corroborante preoccupante silenzio. Fra accordi, Pomigliani, padronati sempre più arroganti e ottusi, bugie, governi delinquenziali, morti quotidiani sul lavoro, è arrivata anche questa estate. Che non ha proprio nulla della primavera. Lo Scocciante, allora, ha pensato di sottolineare il tutto con una vecchia e celebre canzone di Francesco Guccini, Primavera di Praga. È bastato togliere una "r". Aggiunge Riccardo Scocciante: e se si ricominciasse un pochino con un bello scontro sociale duro, serio, senza sconti?
Di antichi pasti il frigo svuotato
grigio guardava un precario incazzato:
a fine mese il salario arrivava,
tagli consueti sulla busta paga.

Se ci hai un lavoro, è grassa se dura
e se non voli da un'impalcatura,
non tornan mai quegli stronzi di conti,
e se non tornano dillo a Tvemonti.

Son come falchi già tutti appostati,
noi ci giriamo e ci han già spolpati;
tasse e balzelli ovunque tu vada,
e si assottiglia la tua busta paga.

Fanno gli accordi e la concertazione
dei “sindacati” che stan che col padrone,
e sulla pelle di uomini e donne
vendono il culo alla Emma e a Marchionne

Vendono il culo a un lavoro di merda
con il ricatto che non lo si perda,
e la Thyssen Krupp di nuovo bruciava
mandando al rogo la tua busta paga.

Dimmi chi sono quei tanti dementi
che stanno zitti, imbecilli contenti;
dimmi chi sono quei tanti coglioni
che hanno votato per il Berlusconi.

Dimmi chi era che in piazza gridava,
dimmi se c'era e non si rassegnava
mentre incazzato e non muto lanciava
l'ultima occhiata alla sua busta paga,

Dimmi chi era che più non ci stava
mentre il Tronchetti se la spassava
mentre incazzato e non muto gridava
l'ultima occhiata alla sua busta paga,
l'ultima occhiata alla sua busta paga,
l'ultima occhiata alla sua busta paga.

5/7/2010 - 22:17



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org